Di Giuliana Molteni   |   17 Marzo 2017

 La forza del singolo

Nome omen... Loving si chiama di cognome quel Richard che nel 1959 si innamora e sposa la sua Mildred. Ma siamo nello Stato di Virginia e sono anni in cui un uomo non si può semplicemente innamorare di una donna e sposarla. Non può se lui è bianco e lei è nera. Parliamo di 60 anni fa e sappiamo che, pur fra mille ostacoli e ricorrenti tragedie, oggi la situazione è migliorata.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   11 Marzo 2017

 Le figure nell’ombra

In un ambiente di soli uomini, con un lavoro “da uomini”, per le donne non è mai facile. Figurarsi nel 1961 alla NASA nel comparto matematici. Immaginiamoci se per di più si fosse di colore, ogni problema di gerarchia, di mansioni e carriera aggravato da questa discriminazione doppia. Siamo nei primi anni’60, ancora di segregazione feroce nonostante le intenzioni di JFK, un mondo per colored parallelo ai white che mai dovevano incontrarsi.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   03 Marzo 2017

 Sanguinare per mestiere

Nel 1991 il pugile Vinny Pazienza, ex peso leggero, diventa campione del mondo nella categoria dei superwelter. Poco dopo resta coinvolto in un incidente stradale drammatico, in cui riporta una profonda incrinatura di una vertebra del collo. Decide di non rischiare un’operazione ma di farsi ingabbiare in una struttura metallica che tenga immobile il collo. Fissata alla calotta cranica con viti che arrivano fino all’osso, gli provoca dolori terribili e sofferenze costanti.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   16 Febbraio 2017

 Gli ultimi giorni di Jackie

Ci sono due personaggi più lontani di Jacqueline Bouvier vedova Kennedy, poi sposata Onassis, e il regista cileno Pablo Larrain? Difficile trovarne di più diversi. Eppure proprio Larrain con questo suo film traccia uno dei più bei ritratti di colei che è stata la più fuggevole e più indimenticabili First Lady degli Stati Uniti, ponendo un altro tassello alla sua riflessione (dopo Neruda e dopo No) al rapporto fra potere e comunicazione, alla potenza della rappresentazione del mito contro la realtà.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   02 Febbraio 2017

 Una regina d’Africa

La romantica storia d’amore (vera) fra Seretse Khama, erede al trono dell’allora misero stato del Bechuanaland (oggi Botswana) e Ruth Williams, segretaria piccolo borghese con interessi terzomondisti, prende l’avvio nel 1947. I due si incontrano a Londra, dove Seretse sta completando i suoi studi ed è subito amore, quello vero, e decidono di sposarsi. Ma appare subito chiaro che le cose non saranno facili.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   12 Gennaio 2017

Tutto per una polpetta

The Founder è un film interessante e istruttivo, educativo quasi, a patto di leggerlo senza pregiudizi moralistici, senza “buonismi” anacronistici. Interessante perché racconta una storia poco nota riguardo ad uno dei marchi più noti nel mondo, McDonald. Istruttivo e quasi educativo, perché mette in scena senza manicheismi due diversi tipi di aspiranti capitalisti, due dal volto e dalla dimensione umana, e uno di quelli arrembanti, di quelli con il coltello fra i denti, che tacciare di “gekkiana” avidità sarebbe facilissimo.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   22 Dicembre 2016

 La ricerca del tempo perduto

Lion è un film che racconta una storia vista molte volte, quello che la distingue dalle altre è che sia realmente avvenuta. Perché di vite partite male, nella miseria estrema e con il rischio dell’abuso, è purtroppo pieno il mondo, e non solo il cosiddetto Terzo. Quello che tendiamo a contemplare con scetticismo è la sopravvivenza a tutto questo e il comunemente definito “happy end”.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   22 Dicembre 2016

 La musica nel cuore

New York, 1944. La dama dell’alta società Florence Foster Jenkins ha come insopprimibile passione la musica. Fra gli amici più cari annovera personaggi del calibro di Arturo Toscanini e del direttore della Carnegie Hall. Da vera mecenate, oltre a questi amici, finanzia generosamente varie associazioni di melomani, alla cui attività partecipa con fervore, concedendosi in saltuarie esibizioni di canto, spaziando nel repertorio più classico da soprano.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   06 Dicembre 2016

 Express Yourself!

Strike a pose: imperativo rivolto dal fotografo ai propri soggetti, necessità più volte riscontrata nella vita. Mettiti in posa, datti un atteggiamento. La “posa” della vita i ballerini del film omonimo l’hanno trovata con Madonna, quando nel 1990 sono stati selezionati per il Blonde Ambition Tour, che mirava, e con successo, a scandalizzare con i suoi riferimenti sessuali, con le sue dissacrazioni religiose, con tutte le provocazioni tipiche della star.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   02 Dicembre 2016

 Liberi mai

 Di sogni si può vivere, per un sogno si può lottare e morire, e se quel sogno tale permane, qualcosa forse resterà a non rendere vana la fatica, le sofferenze di chi lo aveva sognato. Liricamente questo si può dire di Newton Knight, personaggio realmente esistito, la cui vita viene ripercorsa nel film Free State of Jones, che definiremmo di impegno civile più che di intrattenimento.

Postato in Cinema
Pagina 1 di 11