I pinguini di Madagascar 3D: Recensione

Di Giuliana Molteni   |   27 Novembre 2014

La rivincita dei "carini"

La divertente serie Madagascar aveva come personaggi collaterali un gruppetto di surreali pinguini, capaci di attirare immediatamente le simpatie degli spettatori, quanto e più dei veri protagonisti. Un altro personaggio marginale era anche il tenerissimo Mortino. Li ritroviamo tutti nel nuovo film I pinguini di Madagascar, con un "cameo" finale del piccolo animaletto con gli occhioni lacrimosi.

Ogni maledetto Natale: Recensione

Di Giuliana Molteni   |   27 Novembre 2014

Scarpe grosse contro cervelli fini

Dopo gli anni del consumismo più sfrenato, è in atto un processo di demonizzazione del Natale, descritto come il momento del più bieco consumismo nel nome della più bieca ipocrisia dei rapporti famigliari e sentimentali. Festa ricattatoria come poche in effetti, il Natale (di cui tutti hanno accantonato il vero significato) diventa terreno per piccoli drammi famigliari, che il film Ogni maledetto Natale si diverte a prendere ferocemente in giro. Massimo e Giulia si incontrano per caso ed è colpo di fulmine, prima ancora di conoscersi bene.

Trash: Recensione

Di Giuliana Molteni   |   27 Novembre 2014

City of God incontra Millions

Nelle sterminate discariche all'aperto di Rio brulica un'umanità che vive in condizioni subumane nelle favelas più miserabili (anche fra le favelas c'è una classifica). Un giorno i due ragazzini Rafael e Gardo, che sopravvivono recuperando il recuperabile che la società del benessere getta via, trovano un borsello che contiene sì un bel po' di soldi ma anche alcuni documenti che incuriosiscono il più sveglio dei due.

Viviane: Recensione

Di Giuliana Molteni   |   27 Novembre 2014

Finché un rabbino non vi separi

Circondata dai paesi arabi e dall'islamismo, Israele, stato laico e di ispirazione socialista, ha sempre rivendicato un maggiore grado di civilizzazione, quasi di occidentalizzazione rispetto agli arretrati vicini. Peccato che l'atteggiamento nei confronti delle donne, perlomeno nella parte più integralista della popolazione, gli haredim, la renda, quanto a diritti civili, pericolosamente simile ai paesi dai quali si vuole distinguere.

I Vichinghi: Recensione

Di Giuliana Molteni   |   26 Novembre 2014

Mai arrendersi

Un vero vichingo non dorme mai in una casa o sotto una tenda perché là potrebbe trovare nascondiglio il nemico. Dorme sul suo scudo e per tetto, un cielo di stelle. Su questa eroica retorica si basa la narrazione del film Northmen - A Viking Saga, semplicemente I Vichinghi in italiano.

David Bowie Is: Recensione

Di Giuliana Molteni   |   24 Novembre 2014

Bowie, forever

Chissà se l'esile e pallido David Robert Jones avrebbe immaginato quale carriera lo attendeva, quando negli anni '60 ha cominciato a comporre, suonare e cantare canzoni, arrivando a diventare uno degli artisti più influenti del ventesimo secolo, mentre spaziava anche in altri campi artistici, cinema, teatro e pittura. Bowie è riuscito tornare all'attenzione del pubblico e dei mass media anche nel nuovo millennio, dopo gravi problemi di salute che gli sono costati quasi un decennio di lontananza dalle luci della ribalta.

My Old Lady: Recensione

Di Giuliana Molteni   |   20 Novembre 2014

Sulle macerie si può ricostruire?

Lo scenario è Parigi, elegante, discreta, romantica e un po' decadente, come sempre. Vi approda l'ormai sessantenne Mathias, profugo da New York, per riscuotere l'eredità del detestato padre. Si tratta di un enorme, bellissimo appartamento con giardino in pieno Marais, la cui vendita risolverebbe tutti i problemi dell'uomo, che ha un passato fallimentare e nessun futuro davanti. Scopre però che la casa è inamovibilmente abitata da Mathilde, un'eccentrica signora di 92 anni.

I toni dell'amore – Love Is Strange: Recensione

Di Giuliana Molteni   |   20 Novembre 2014

La vita come una sonata

Manhattan oggi. Ben, pittore quasi settantenne e George, insegnante di musica sessantenne, coppia felice da 39 anni, decidono di sposarsi. Una cerimonia felice circondati da amici e parenti affezionati, in una specie di giardino incantato dell'East Village. Ma al ritorno al suo lavoro, come maestro di musica in una scuola cattolica, George viene licenziato. Il reddito famigliare subisce un brutto colpo, i due devono abbandonare l'appartamento che condividono da quasi vent'anni, nell'accogliente quartiere di Chelsea, quasi un paesino nella città.

Hunger Games - Il canto della rivolta: parte 1: Recensione

Di Giuliana Molteni   |   20 Novembre 2014

If we burn, you burn with us

"Speriamo di trovare il cielo lungo la strada, mostrami la via, Signore, perché sto per esplodere" cantavano i Coldplay sul finale del precedente episodio. E l'esplosione è arrivata. Katniss non è più nell'Arena, è fuori, nel sopravvissuto Distretto 13, a guidare la rivolta degli oppressi contro il feroce dittatore Snow. Ma Peeta, forse davvero amato, sottoposto a una specie di lavaggio del cervello è rimasto nelle mani del Governo, che lo usa come strumento di propaganda per il Sistema e di pressione sulla ragazza.

Scusate se esisto: Recensione

Di Giuliana Molteni   |   19 Novembre 2014

La rivalsa degli oppressi

Nella nostra attuale, trasgressiva, tollerante società, resistono ancora molti pregiudizi, più marcati a secondo di livello culturale e posizione geografica. Ugualmente anche in ambienti occidentali e acculturati due categorie non si salvano dai preconcetti più antiquati, le donne e gli omosessuali, ai quali si imputa in fondo la stessa cosa, di non essere abbastanza "virili" per competere con la "mascolinità" dominante.