Di Giuliana Molteni   |   22 Settembre 2016

 

Cavalcano ancora

Forse un grande classico come I magnifici 7, film del 1960 a sua volta già remake del giapponese I sette samurai, diretto nel 1954 da Akira Kurosawa, era finora scampato al rifacimento perché western, genere ormai da molti anni finito sotto una specie di maledizione. Anche se tentativi c’erano stati, con Quel treno per Yuma e Il Grinta, mentre per Django di Trantino il discorso è più complesso.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   24 Novembre 2015

L'uomo che sussurrava ai dinosauri

Salutiamo con entusiasmo l'edizione su Blu-ray Universal di Jurassic World, nuovo episodio della saga ambientata nella mitica Isla Nublar. L'immagine riflette la scelta di girare su pellicola, restituendo quella leggera grana piacevolmente old style, in un quadro complessivo di assoluta pulizia e nitidezza, con una perfetta fusione di girato dal vivo e in CG, con una resa di estremo dettaglio nei minimi particolari.

Postato in Homevideo
Di Giuliana Molteni   |   11 Giugno 2015

L'uomo che sussurrava ai dinosauri

E così Isla Nublar è ancora lì, non solo, è risorta più bella che pria dalle rovine provocate dalle devastazioni compiute dalla sua vivace fauna nei capitoli precedenti. Un nuovo parco è stato riedificato e il nuovo proprietario, un multimiliardario indiano che ha rilevato la gestione dall'ormai trapassato John Hammond, lo ha voluto più di tutto, più grande, più tecnologico, più sicuro, più "figo" insomma, e cosa rende un parco a tema jurassico più cool se non il ricorso al famoso fattore "Wow!", cioè nuovi dinosauri, progettati per essere ancora più feroci, più spettacolari e con più denti?

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   30 Aprile 2015

Notte e redenzione

Run, Liam, Run. In questa seconda parte della sua carriera, Liam Neeson ha dimostrato di trovarsi molto a suo agio nei panni di un certo tipo di eroe maturo, che sia l'imprendibile papà della serie Taken o il perdente afflitto da sensi di colpa per una vita male spesa di altre storie. Così è stato anche nei due film precedenti in cui era stato diretto da Jaume Collet-Serra, Unknown e l'inedito Non – Stop, e così è in questo Run All Night.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   23 Febbraio 2015

 

Chi giudica un giudice?

Warner pubblica su Blu-ray The Judge, bella commedia che mescola gli elementi della più classica storia di ravvedimento e riconciliazione al legal-drama. Risentimenti, ravvedimenti e chiarimenti, momenti comici e altri più sentimentali, si alternano con preciso meccanismo allo svolgimento della procedura legale, orchestrata ancora una volta con quella perfezione formale che, dai tempi di Perry Mason, ci ha fatti convincere che la giustizia americana funzioni alla perfezione.

Postato in Homevideo
Di Giuliana Molteni   |   23 Ottobre 2014

Chi giudica un giudice?

Come si fa a capire che un avvocato sta mentendo? Perché sta muovendo le labbra (cit.) Henry Palmer è un avvocato superstar, che fa sempre assolvere i propri clienti, ricchi e colpevoli, perché gli innocenti in genere sono poveri e non si possono permettere la sua parcella. Vita famigliare immolata sull'altare della professione, penalizzata anche dalle ferite riportate nell'infanzia, come apprendiamo subito.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   16 Ottobre 2013

Un'abbinata sprecata
Si erano già ritrovati insieme nel film Expendables, Sylvester Stallone e Arnold Schwarzenegger, i due muscolosi e muscolari eroi di tanti film d'azione degli scorsi decenni, messi in disparte da prodotti meno iperbolici del loro standard e da (si supponeva) limiti d'età. E per Schwarzenegger contava anche la sua carriera politica. Ma dopo due progetti solisti, Jimmy Bobo per Sly e The Last Stand per Schwarzy, entrambi volutamente vintage, c'erano tutte le premesse commercialmente promettenti per un nuovo lavoro insieme. Ecco quindi arrivare sugli schermi Escape Plan, diretto da Mikael Håfström, regista di film mai del tutto riusciti (Evil, Derailed, 1408, Shanghai, Il rito), su sceneggiatura di Miles Chapman (serie tv Cybergeddon) e Jason Keller (Mirror Mirror, ).

Postato in Cinema
Di Paolo Zelati   |   15 Marzo 2013

Vien di notte L'Uomo Nero

Se qualcuno, ancora, ha dei dubbi sulle capacità di Scott Derrickson nel dirigere un film dell'orrore, con Sinister se li può togliere definitivamente. Dopo L'esorcismo di Emily Rose, discreto esempio di Possession Movie e l'interlocutorio Ultimatum alla terra (visivamente molto valido; è la sceneggiatura che non funziona...), Derrickson mette in scena una storia profondamente disturbante, in cui il soprannaturale assume una dimensione psicotica, perennemente in bilico tra realtà e mondo interiore dei personaggi, insomma, proprio il genere che una volta veniva definito psyco-horror.

Postato in Cinema