Di Giuliana Molteni   |   13 Maggio 2017

 Guy Meets Arthur

Apprendendo che Guy Ritchie stava mettendo mano alla leggenda di Re Artù e alla sua tavola rotonda, avevamo previsto un trattamento non certo tradizionale. Quindi niente Santo Graal o Avalon né armature di celestiale splendore come in Excalibur, nessuna ambizione di realismo storico/folkloristico nelle fangose e gelide lande del King Arthur di Fuqua o gli esperimenti storico/fantasy di L’ultima legione (o il fanciullesco divertimento della disneyana Spada nella roccia).

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   10 Novembre 2016

 Stay Simple

Un genio, per definizione, è una persona dotata di ingegno superiore. Ma il genio può essere anche un essere immaginario con la capacità di influenzare eventi della vita, una specie di spirito superiore, buono o cattivo, che guida gli esseri umani. Il film Genius ha due protagonisti e queste due diverse definizioni si possono attribuire a entrambi e non solo ad uno di essi, come si potrebbe superficialmente pensare. A New York sulla fine degli ancora ruggenti anni ’20, in mezzo a grandi differenze di classe e prossimi alla Grande Depressione, il celeberrimo editor della Scribner’s Son era un personaggio molto particolare.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   16 Luglio 2015

Anche i grassoni hanno un cuore

Bradley Fine (nomen omen), interpretato da un Jude Law magro, bello (e con toupet), è una spia letale su modello bondiano (anche i titoli di testa sono in 007-style), dalla britannica coolness. Nelle missioni opera collegato con un auricolare, e una lente a contatto che fa da visore, alla super efficiente Susan (Melissa McCarthy), cicciona innamorata di lui senza nessuna speranza (nella mitologia americana, raramente una donna sovrappeso può ambire a guadagnarsi l'amore del bello di turno), che funge da angelo custode personale.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   16 Aprile 2015

Into the Deep

Dice il saggio Murphy: se una cosa può andare storta, lo farà. Che già è grave. Se poi si è rinchiusi in un sommergibile, in missione fuori-legge, in compagnia di una ciurma di disperati a vario titolo, non potrà che andare ancora peggio. Il Capitano Robinson, esperto pilota di sottomarini, specializzato nel recupero di relitti, è stato espulso dalla società per cui lavorava da quasi vent'anni, con una dedizione che gli è costata la famiglia.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   11 Agosto 2014

C'era una volta....e ormai non c'è più

Ottima edizione su Blu-ray Fox per l'ultima fatica dell'eccentrico regista Wes Anderson, Grand Budapest Hotel. Nel film, e di conseguenza nel Blu-ray, come da avviso iniziale, sono presenti tre diversi formati, a seconda dell'epoca in cui sono ambientati gli eventi narrati.

Postato in Homevideo
Di Giuliana Molteni   |   29 Maggio 2014

Lui speriamo che se la cavi

Dom Hemingway è uno scassinatore che si è fatto 12 anni di galera senza mai rivelare i nomi del suo committente, che è Mr Fontaine, un potentissimo criminale russo che si è trasferito in dorato esilio in Francia. Dom sa che la sua lealtà sarà ripagata quando uscirà. E quando esce oltre al suo sacrosanto risarcimento vuole rifarsi di quegli anni di prigionia, vuole recuperare anche tutti gli sballi di sesso, alcol, e droga che si è perso.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   10 Aprile 2014

C'era una volta....e ormai non c'è più

Scrivendo del penultimo film di Wes Anderson, Moonrise Kingdom, avevamo espresso una certa stanchezza nei confronti dell'ennesimo prodotto "tanto carino" di questo regista sempre uguale a se stesso, con il rischio, in caso di mancati futuri sviluppi, di un avvitamento sterile e manieristico. Ritiriamo tutto. Perché Grand Budapest Hotel è il meglio di quanto fatto negli ultimi anni da Anderson, una summa certo di tutti i suoi vezzi ma sfrondata dai troppo ricorrenti temi.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   17 Luglio 2013

Amore e morte
Arriva su Blu-ray Universal Anna Karenina, originale trasposizione su grande schermo del celeberrimo romanzo di Tolstoj, opera di Joe Wrigh. L'immagine è sempre di buona definizione, nitida nella resa della morbida fotografia originale di Seamus McGarvey, dalle calde tonalità a esaltare le splendide scenografie e i ricchissimi costumi. Quanto all'audio, il DTS italiano è di buona qualità, ben distribuito su tutti i canali con precisa ricostruzione dell'ambiente e delle musiche di Dario Marianelli, molto efficace nelle scene di massa e in quelle con effetti sonori.

Postato in Homevideo
Di Giuliana Molteni   |   20 Giugno 2013

Playing by heart
L'angolo al centro di una circonferenza ha 360 gradi. Un girotondo si muove in cerchio e un cerchio è anche più melodrammaticamente quello della vita. Proprio 360 è il titolo originale del nuovo film di Fernando Meirelles, regista dall'esordio folgorante con City of God, Oscar nel 2004, che dopo The Constant Gardner e Blindness, ci propone una versione del nuovo millennio di Girotondo, la famosa opera di Arthur Schnitzler, già ispiratrice di Cecil B. De Mille e Stanley Kubrick, portata sullo schermo da Roger Vadim e Max Ophüls.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   30 Aprile 2013

Follow the Money
I soldi sono il più potente propulsore per la razza umana. Con i soldi si conseguono sesso e potere. Ma anche col sesso si possono conseguire soldi e di conseguenza potere. Di un triangolo di questo genere si parla nell'ultimo film di Steven Soderbergh, Effetti collaterali. La crisi ha colpito duramente a New York, mettendo in difficoltà molte attività legate alla finanza e in galera molti personaggi troppo disinvolti. Ma altre attività, legate indirettamente alla crisi sono invece lievitate in borsa: fra queste le multinazionali che confezionano quegli antidepressivi e ansiolitici che sono indispensabili per digerire cambiamenti di vita così radicali. Martin (Channing Tatum), ex ricchissimo broker, esce di galera dopo quattro anni per insider trading Ha perso tutto tranne la mogliettina Emily (Rooney Mara), caduta però in profonda depressione, dopo che oltre che il marito le è stata portata via la sua bella vita da ricca, alla quale si era prontamente abituata, da artista frustrata finita a fare la cameriera.

Postato in Cinema
Pagina 1 di 10