Di Giuliana Molteni   |   13 Maggio 2017

 Guy Meets Arthur

Apprendendo che Guy Ritchie stava mettendo mano alla leggenda di Re Artù e alla sua tavola rotonda, avevamo previsto un trattamento non certo tradizionale. Quindi niente Santo Graal o Avalon né armature di celestiale splendore come in Excalibur, nessuna ambizione di realismo storico/folkloristico nelle fangose e gelide lande del King Arthur di Fuqua o gli esperimenti storico/fantasy di L’ultima legione (o il fanciullesco divertimento della disneyana Spada nella roccia).

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   10 Novembre 2016

 Last Night a Music Save My Life

Perché si mette insieme un gruppo musicale? Per fare i soldi certo, ma soprattutto per le ragazze. In una grigia Dublino, cattolica, repressa, in dura recessione, Conor, 16 anni, sta subendo le conseguenze della crisi famigliare. I genitori dolorosamente non si amano più, stanno per affrontare la separazione (nella cattolicissima Irlanda il divorzio non sarà approvato fino al 1996), per motivi economici dovranno vendere la loro confortevole casa.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   17 Ottobre 2015

Boys on the Run

Sono ancora in fuga i ragazzi che nel Labirinto del primo film erano stati rinchiusi, per un misterioso esperimento da parte di un'altrettanto misteriosa organizzazione che gestisce quel che resta del mondo civile, dopo la solita, imprecisata catastrofe.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   14 Maggio 2015

Rimetti a noi i nostri peccati....

Calvario: nome del monte lungo le cui pendici Gesù si è trascinato con la croce in spalla, sotto le frustate dei romani e il dileggio della folla, qualche raro gesto di pietà e l'apatia dei più. In generale sta a significare sopportazione di grande e prolungata sofferenza. C'è speranza che il bene possa vincere contro il male e a che prezzo? Questo prezzo sa di doverlo pagare tutto James Lavelle, prete cattolico in un piccolo paesino irlandese, uno di quei posti dove tutti si conoscono fin troppo bene.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   27 Giugno 2013

La Terrorista Riluttante
Chi danza nell'ombra più di un traditore, di una spia? Il titolo originale del film di James Marsh è infatti Shadow Dancer e starà allo spettatore decidere quale dei protagonisti sia il "danzatore solitario" del titolo. Siamo nel 1993 a Belfast, sull'orlo dell'accordo che avrebbe sancito la fine della guerra civile che insanguinava Inghilterra e Irlanda dal 1922. Colette (Andrea Riseborough), vedova con figlioletto, sorella di "soldati", un'infanzia già devastata dal conflitto, sembra non avere altra chance che sottomettersi all'IRA e diventare terrorista anche lei (o patriota, come al solito i punti di vista sono almeno due). Viene arrestata dall'MI5 dopo un mancato attentato e costretta a collaborare con i Servizi segreti. Altrimenti la attendono almeno 25 anni di carcere durissimo con conseguente perdita del figlioletto, già orfano "di guerra".

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   12 Maggio 2013

Una conferma
Sempre molto attesa, arriva l'edizione Warner della seconda stagione di Games of Thrones, in italiano Il Trono di Spade, la serie HBO scritta e prodotta da David Benioff e D. B. Weiss, rivelazione dell'anno scorso, una conferma sia per la qualità della serie che per quella dell'edizione per l'homevideo. Nell'elegante cofanetto dell'edizione su DVD, oltre ai cinque dischi con i dieci episodi, scelta che sgombra il campo da ogni problema legato alla compressione, troviamo anche un libricino con la mappa, i riassunti degli episodi e una guida per muoversi fra casate e protagonisti. L'immagine si conferma di riferimento. La definizione è sempre altissima, sia nei primi piani che nei campi lunghi, con un dettaglio elevato e con una nitidezza che non cala mai nemmeno nelle scene più buie o nebbiose.

Postato in Homevideo
Di Giuliana Molteni   |   29 Ottobre 2012

Un'edizione di riferimento
Attesissima, arriva l'edizione su Blu-ray Warner di Games of Thrones, la serie HBO scritta e prodotta da David Benioff e D. B. Weiss, rivelazione dell'anno scorso (in quanti hanno cominciato a dire: Winter is coming...). Si tratta del primo trattamento della serie di romanzi scritti da George R. Martin, Le cronache del ghiaccio e del fuoco, del quale l'autore si è dichiarato soddisfatto, dopo anni passati a rifiutare proposte di trasposizioni cinematografiche. Data l'estrema corposità del materiale solo una serie tv poteva conciliare le diverse esigenze. L'accordo fatto contempla una stagione per ogni libro e la prima è basata sul primo romanzo della collana, che in Italia è stato pubblicato da Mondadori in due volumi, Il Trono di spade e Il grande inverno, con gli inevitabili aggiustamenti rispetto alla pagina scritta, pegno da pagare quando si trascorre fra media diversi.

Postato in Homevideo