Di Giuliana Molteni   |   13 Maggio 2017

 Tutto il resto è noia

Questa volta gli infelici pochi, sulla salvezza delle cui anime Terrence Malick continua ad arrovellarsi molto, sono del giro musicale ad Austin, non più cinema e non più L. A. Un produttore miliardario, specie di fascinoso e torbido Mefistofele, avvolge nelle spire dei suoi inganni un paio di donne e un uomo (Mara, Portman, Gosling), con la scusa dell’amore o degli affari.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   26 Gennaio 2017

 Città delle stelle, è per me che stai brillando?

Come finiva Pretty Woman, compendio di ogni favola a lieto fine? “Questa è Hollywood, la terra dei sogni. Alcuni si avverano, altri no. Ma voi, continuate a sognare…”. Perché non si può rifare oggi un musical, genere che ha certo raggiunto vette definite inarrivabili con personaggi come Fred Astaire, Gene Kelly o Vincent Minnelli, solo per citare il più lontano passato (non dimentichiamo gente come Jacques Demi e Bob Fosse)?

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   06 Giugno 2016

 

The Great Financial Swindle

E’ uscito su DVD un ottimo film di pochi mesi fa, La grande scommessa, uno di quelli che hanno contribuito a spiegare alle masse, più di molti articoli o talk show, come si sia formata la devastante crisi del 2008, che ha mutato in modo tale gli equilibri economici, da cambiare oltre al nostro presente, anche il futuro di qualche generazione.

Postato in Homevideo
Di Giuliana Molteni   |   03 Giugno 2016

 

Quei bravi ragazzi

Los Angeles, la L.A. Noir degli anni ’70 soffocata dallo smog; due Private Eyes, classici protagonisti di tante storie appassionanti di delitti, corruzione, pornografia, soldi e potere. Jackson Healy (Russell Crowe) è un Mr Wolf per clienti poveri, per pochi dollari “sistema” problemi, è un gorilla a pagamento per cause abbastanza presentabili. Holland March (Ryan Gosling) al contrario è un ex poliziotto, ufficialmente investigatore privato ma del tutto fallimentare.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   24 Maggio 2016

 

L’estetica alla sceneggiatura

Per la sua prima regia, Ryan Gosling sceglie come chiave narrativa una specie di brechtiano realismo magico/surreale che ambienta in un universo atemporale una storia che, senza gli eccessi alla David Lynch di cui è ricca, potrebbe essere perfettamente trasposta proprio nella città dove realmente è girata, quella Detroit devastata dalla crisi del 2008, grandi teatri, chiese, opere pubbliche, tutto abbandonato e dall’aspetto ormai post-apocalittico, interi quartieri di villette divenute fatiscenti, dopo gli sfratti imposti dalle banche, tutto lasciato a marcire fra vandalismi, ruspe, incendi.

Postato in Homevideo
Di Giuliana Molteni   |   07 Gennaio 2016

 

The Great Financial Swindle

Perché parlare ancora della crisi dei mutui subprime, scoppiata nel 2007/8? Perché non è mai finita. La grande scommessa non solo racconta benissimo una delle più devastanti truffe del Sistema, che ciclicamente si ripropone perché nessuno glielo impone, ma lo fa con uno stile di regia originale e una galleria di personaggi ottimamente descritti, affidati a un gruppo di interpreti che danno il loro meglio, come spesso accade al di fuori della produzioni ad alto budget.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   08 Luglio 2013

Pistole, Pupe e Cappelli

 

Ottima edizione su Blu-ray Warner per Gangster Squad, riuscito omaggio ai noir d'epoca, quasi film in costume per l'accuratezza della ricostruzione ambientale, arricchito da un cast tutto di facce note e valide. L'immagine è splendida, pulitissima e priva di grana, nella resa della bella fotografia in digitale di Dion Beebe (Oscar 2005 per Memorie di una Geisha ma anche collaboratore di Michael Mann e si nota), dalle tonalità calde, cariche, patinata nella raffinata riproduzione del look d'epoca.

Postato in Homevideo
Di Giuliana Molteni   |   30 Maggio 2013

Wanna Fight?
Nicolas Winding Refn, specialista in storie di violenza e crudeltà efferate, dopo il grandissimo successo di Drive, porta sugli schermi una sua antecedente sceneggiatura, la vicenda gore/shakespeariana di una famiglia degenerata, a causa della colpa primigenia della figura femminile più sacra: la Madre. Ad appassionare questo autore che in pochissimo tempo è passato dalla nicchia alla celebrità planetaria è sempre il tema della violenza, che Refn afferma essere ispiratrice per l'arte, mentre nella realtà è solo distruttrice. Nella solita cupissima Bangkok, città raccontata spesso come un lupanare immondo dove possono avvenire nell'indifferenza le peggiori efferatezze, il laconico Julian gestisce una palestra di boxe dove organizza combattimenti che sono copertura di spaccio e prostituzione. Una notte il suo disturbato fratello Billy paga con la vita l'ennesimo abuso commesso.Visto che Julian non è abbastanza deciso nel perseguire i colpevoli, conscio delle responsabilità del fratello, per portare a termine l'inevitabile vendetta torna in città la mamma dei due, Crystal, una carogna senza pietà, vero boss della famiglia.

Postato in Cinema
Di Paolo Zelati   |   29 Aprile 2013

Sicuramente nella lista tra i film più attesi del 2013, Only God Forgives rappresenta il ritorno su grande schermo della coppia Nicolas Winding Refn e Ryan Gosling, responsabili dell'ormai già cult movie Drive. Oggi sono comparse online tre nuove clip che confermano le aspettative...

Postato in Cinema
Di Paolo Zelati   |   19 Aprile 2013

Sicuramente nella lista tra i film più attesi del 2013, Only God Forgives rappresenta il ritorno su grande schermo della coppia Nicolas Winding Refn e Ryan Gosling, responsabili dell'ormai già cult movie Drive. Questi due nuovi trailer internazionali tengono alte le aspettative in attesa dell'uscita del 23 maggio

Postato in Cinema
Pagina 1 di 4