Di Giuliana Molteni   |   16 Febbraio 2017

 Meglio orfani?

Mamma e papà si sono amati molto, fin da giovani, hanno fatto tre figli e pure carriera, lei ingegnere in una raffineria, lui ostetrico rinomato. E sono arrivati pure i soldi, che hanno donato un certo benessere. Ma gli anni passano, l’amore finisce, si resta amici ma non basta. E allora si pensa di divorziare.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   13 Novembre 2015

Un giorno di ordinaria follia ad Anguillara

Basta cristianamente illudersi, non ci crede più nessuno, gli ultimi non saranno mai primi, è tutta una consolatoria balla per tenere tranquilli i poveracci. Luciana è un'italiana piccola piccola, che cerca di sopravvivere in un universo che la ha relegata sul penultimo scalino della scala alimentare, umile operaia, giù la testa nel lavoro e nella vita. Troppo mite e beneducata anche in famiglia, manda giù bocconi amari in continuazione.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   19 Novembre 2014

La rivalsa degli oppressi

Nella nostra attuale, trasgressiva, tollerante società, resistono ancora molti pregiudizi, più marcati a secondo di livello culturale e posizione geografica. Ugualmente anche in ambienti occidentali e acculturati due categorie non si salvano dai preconcetti più antiquati, le donne e gli omosessuali, ai quali si imputa in fondo la stessa cosa, di non essere abbastanza "virili" per competere con la "mascolinità" dominante.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   30 Dicembre 2013

Imperfetto è meglio

In quel di Bolzano o giù di lì, la casalinga entusiasta Cristina (Paola Cortellesi) conduce la sua bella famigliola con il piglio energico di un Sergente dei Marines, motivando i suoi cari da mattino a sera con motti presi dai manuali di auto-stima. Il bel marito Michele (Luca Argentero), aspirante direttore marketing di una potente immobiliare locale, la teneramente rotonda figlioletta e il maschio adolescente, più evasivo e musone, si adeguano con diversi gradi di entusiasmo, anche se una certa insofferenza affiora qua e là.

Postato in Cinema
Di Paolo Zelati   |   25 Giugno 2011
 Cosa succede quando una casa di produzione (dal momento della sua fondazione ad oggi) abitua il pubblico (e, soprattutto, la critica) ad uno standard di film d’animazione sempre oscillante tra lo “strepitoso” ed il “capolavoro”? Succede che nel momento in cui la suddetta casa distribuisce un film “medio”, pubblico e giornalisti si sentono quasi traditi e le critiche finiscono per essere direttamente proporzionali alle aspettative; ovvero eccessive. Ed è esattamente quello che sta accadendo in giro per il mondo dopo l’uscita di Cars 2, film con la quale la Pixar, scegliendo un nuovo approccio narrativo, ha voluto dare un seguito ad una delle loro pellicole di maggior successo.
Postato in Cinema
Di Paolo Zelati   |   16 Giugno 2011
 Collider ha postato oggi nove clip da Cars 2, sequel del capolavoro Pixar in uscita nei cinema il 22 giugno e, da quello che si può vedere, i fan di Saetta McQueen e soci non resteranno delusi. 

In Cars 2 (diretto da Brad Lewis e John Lasseter), Saetta McQueen ed il suo fedele amico Carl Attrezzi, saranno coinvolti in un Grand Prix mondiale che li porterà da Tokyo a Londra, passando per Parigi, fino in Italia e che dovrà stabilire "la macchina più veloce del mondo". Ma non è tutto: i due amici rimarranno anche coinvolti in un pericoloso caso di spionaggio internazionale. 

Postato in Cinema
Di Paolo Zelati   |   15 Aprile 2011
 Continua la campagna di marketing che accompagnerà Cars 2 nei cinema, il prossimo 24 giugno. L'ultima invezione proposta dalla Disney è questo poster Trittico - frutto (a quanto è stato dichiarato) di cinque mesi di lavoro - in cui compaiono le 3 location del film (Giappone, Inghilterra e Italia) e svariati personaggi in azione. 
Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   08 Aprile 2011

Non resta che buttarla sul ridere. Questa è la situazione del mercato del lavoro oggi, i “giovani” sono tutti precari, sfruttati e sottopagati, che siano laureati e aspiranti medici, giornalisti, professori (ma anche addetti a lavori più umili, aggiungiamo noi). A passargli davanti, a soffiargli l’assunzione in regola, la mansione desiderata e soprattutto meritata, sono sempre loro, le bestie nere della commedia all’italiana, della vita all’italiana: i raccomandati. Che sono sterminati, perché si va dal figlio del luminare al suo fidanzato/a, dall’amante del professore alla moglie del primario, e giù scendendo per parenti e amici di amici da piazzare in un complesso gioco di scacchi, mirato all’unica cosa importante: fare finta di cambiare perché nulla cambi e tutto il potere rimanga saldamente in mano ai diabolici vecchiacci che hanno già cresciuto una prole degna di loro. E così sia, nei secoli dei secoli.

Postato in Cinema
Di Paolo Zelati   |   20 Marzo 2011
 In Cars 2, Saetta McQueen ed il suo fedele amico Carl Attrezzi, saranno coinvolti in un Grand Prix mondiale che li porterà da Tokyo a Londra, passando per Parigi, fino in Italia e che dovrà stabilire "la macchina più veloce del mondo". Ma non è tutto: i due amici diventeranno anche agenti segreti e prenderanno parte a pericolosissime avventure.

E mentre aspettiamo l'uscito di quello che sarà, con pochi dubbi, un altro capolavoro, la Pixar continua a perfezionare la sua campagna di marketing. Oggi, Collider ha diffuso un trailer giapponese che contiene scene mai viste fino ad ora. Il trailer è completamente in giapponese ma val la pena darci un'occhiata. 
Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   16 Marzo 2011
 Immaginate una “signora bene” stile Daniela Santanché (paragone inevitabile dato che è interpretata da Paola Cortellesi), un’arricchita antipatica e classista, che si ritrova improvvisamente sul lastrico. Marito defunto all’improvviso, nessuna famiglia alle spalle, solo debiti, ipoteche, pignoramenti, patteggiamenti già esauriti, tutti gli “amici” volatilizzati, ufficiali giudiziari e finanzieri alla porta. Non resta che ripiegare su una sistemazione d’emergenza, grazie all’intervento pietoso di un cameriere pakistano da lei in precedenza pure maltrattato. Messi via abiti e tacchi firmati, ogni possedimento radunato in un paio di valigie, Alice insieme al mite figlioletto ripara in una baracchetta all’ultimo piano di un palazzone popolare in zona Quarticciolo (Roma). Ovviamente l’inserimento è traumatico, anche perché la “signora” non passa inosservata. Ma il popolino del quartiere si attiva generosamente per darle una mano. Tutti tranne l’austero Giulio (Raoul Bova), che gestisce con spirito di evangelica ma poco redditizia fratellanza un internet point, con conseguenti problemi finanziari. Niente in confronto a quelli di Alice, che deve far saltare fuori in fretta una grossa cifra, pena l’arresto immediato e l’allontanamento del figlioletto. Dato che ogni onesto lavoro cercato offre compensi irrisori, non resa che ricorrere al mestiere più vecchio del mondo. Grazie alle sue frequentazioni precedenti, Alice entra in contatto con la bella escort Eva (Anna Foglietta), per riuscire ad acquisire professionalità (è sexy quanto un manico di scopa) ed entrare nei giri più lucrosi. Comincia così a “frequentare”, all’inizio goffamente, il noto mondo di politici, sportivi, imprenditori e liberi professionisti tutti molto danarosi. Intanto però, i nuovi rapporti sociali con i “poveri ma belli” del quartiere diventano sempre più coinvolgenti, così come coinvolgente si rivela il bel Giulio, che sotto tanta ruvidezza nasconde davvero un cuore d’oro. Dopo varie traversie virate al comico/grottesco e qualche parentesi più sentimentale, la vicenda si avvierà verso la conclusione.
Postato in Cinema
Pagina 1 di 3