Di Giuliana Molteni   |   11 Marzo 2017

 Le figure nell’ombra

In un ambiente di soli uomini, con un lavoro “da uomini”, per le donne non è mai facile. Figurarsi nel 1961 alla NASA nel comparto matematici. Immaginiamoci se per di più si fosse di colore, ogni problema di gerarchia, di mansioni e carriera aggravato da questa discriminazione doppia. Siamo nei primi anni’60, ancora di segregazione feroce nonostante le intenzioni di JFK, un mondo per colored parallelo ai white che mai dovevano incontrarsi.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   06 Marzo 2015

Più di cinquanta sfumature di colore

Elliott Anderson, ricco avvocato di Los Angeles, pensava di finire la sua vita a fianco della bella, amatissima moglie, nella loro splendida villa, ad accudire con grande affetto Eloise, la nipotina, la cui madre, loro giovanissima figlia, era morta sette anni prima di parto. Negli anni seguenti il suo compagno, un uomo di colore con un passato di rapine e droga, si era disinteressato della piccina, facendo solo qualche nefasta incursione nelle loro vite per estorcere soldi. Ma il destino porta via a Elliott la moglie in un incidente di macchina.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   26 Marzo 2014

Quando il nero non fa chic e impegna molto

Forse è proprio vero che dall'attimo in cui nasciamo tutto è già scritto e tutto concorrerà a fare sì che ci troviamo al momento giusto dove è scritto che dobbiamo essere, in un'inesorabile riproposizione di quanto cantato in Samarcanda. Oscar Grant, 22 anni, nel Capodanno del 2009 ha incontrato il suo fato alla stazione di Fruitvale, Oakland (la città sulla baia di fronte alla tollerante e cosmopolita San Francisco).

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   23 Gennaio 2012
 Anche se i tempi di Miss Rossella (Via col vento) sembravano lontani e la Guerra civile era finita da un pezzo, negli anni ’60 negli Stati Uniti la segregazione razziale era ancora fortissima, negli Stati del Sud in particolare. La schiavitù era stata formalmente abolita, ma erano vietati matrimoni e relazioni miste, le persone di colore avevano sezioni separate nei mezzi di trasporto, negli ospedali e nei cinema, molti locali erano vietati. Un bel linciaggio o per lo meno una spedizione punitiva era sempre alla portata di tutti. Per coloro che prestavano “in libertà” il loro lavoro presso i “bianchi”, c’erano solo doveri e nessun diritto, se non quello di lavorare sottopagati e a testa bassa. Anche quando la Carta dei diritti civili sarà approvata nel 1964, lungo sarà il cammino per applicarla. Un presidente di colore era impossibile anche solo da immaginare. La storia narrata in The Help è tratta dal romanzo di Kathryn Stockett, divenuto un caso letterario per il gran successo ottenuto, dopo essere stato rifiutato da molte case editrici.
Postato in Cinema