Di Giuliana Molteni   |   19 Novembre 2014

La rivalsa degli oppressi

Nella nostra attuale, trasgressiva, tollerante società, resistono ancora molti pregiudizi, più marcati a secondo di livello culturale e posizione geografica. Ugualmente anche in ambienti occidentali e acculturati due categorie non si salvano dai preconcetti più antiquati, le donne e gli omosessuali, ai quali si imputa in fondo la stessa cosa, di non essere abbastanza "virili" per competere con la "mascolinità" dominante.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   13 Dicembre 2012

Ridere per non piangere?
Se un film scritto più di un anno e mezzo fa è di massima attualità oggi, tanto da poter essere definito "il film di Natale" per la sua risposta a quanto sta accadendo nel nostro paese in questi giorni, dovrebbe dare da pensare. Ricordiamo che già il precedente Qualunquemente mentre veniva girato era in continuazione superato dalla realtà (correva l'anno 2011). I protagonisti di questa nuova commedia, o film di fantascienza, o horror che dir si voglia, sono due personaggi notissimi nel bestiario di Antonio Albanese, Cetto e Frengo, e uno nuovo, il terribile razzista venexiàn Rodolfo Favaretto, di asburgiche nostalgie, una vera fissa per le "bretelle" autostradali. Rodolfo fa lo scafista in laguna, trasportando clandestini "colorati" ai campi di addestramento para-militare, in preparazione di una prossima scissione dall'Italia. Frengo è sempre il solito assertore di libero amore in libero fumo, ben deciso a diventare "beato" in vita, scalando le gerarchie cattoliche.
 

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   21 Ottobre 2011

Quando i bar non si chiamavano ancora locali, quando nessuno era “protagonista” o “valeva”, l’italiano medio era sempre e comunque già “personaggio”. Palcoscenico ideale di questa quotidiana recita, che di solito consolava da una vita mediocre o solitaria, era il bar, in particolare la mitica istituzione del Bar Sport. Chi non ne ha trovato uno sulla sua strada, magari anche oggi in qualche paesino di provincia?

Postato in Cinema
Di MovieSushi.it   |   04 Marzo 2010
La normalità: che brutta parola. È una battuta di Mine vaganti, il nuovo film di Ferzan Ozpetek. Ma potrebbe essere il titolo che rappresenta l’intera carriera del regista turco. Che in tutta la sua cinematografia ha sempre cantato il bisogno di libertà e di affermare la propria identità: quella sessuale, ma anche quella artistica, professionale. Al di là di tutto quello che viene considerato “normale”. La storia di Mine vaganti ne è un esempio lampante: Tommaso (Riccardo Scamarcio) torna a casa, a Lecce, da Roma, deciso ad affermare le sue scelte personali. Ha studiato lettere, invece che economia. Vuole fare lo scrittore, e non dirigere il pastificio di famiglia. E amare chi vuole, cioè un ragazzo. Ma proprio mentre sta per fare outing, viene “superato a sinistra” dal fratello Antonio, gay anche lui, che fino a quel momento ha sacrificato identità personale e affetti in nome della famiglia e dell’azienda. Il padre viene colpito di infarto (a tempo di pizzica) e Tommaso, che non se la sente di infierire ancora, è costretto a tenere nascosto il suo vero io.
Postato in Cinema
Di MovieSushi.it   |   02 Marzo 2010
Il concetto di «gavetta» sembrerebbe avere ancora un senso, perfino nella pseudo-industria cinematografica del Belpaese, a giudicare dalla carriera di Ferzan Ozpetek.
Giunto in Italia dalla natia Istanbul a soli diciassette anni, con l’intento dichiarato di studiare cinema ed affermarsi come regista, muove i primi passi nella Settima Arte proprio attraverso quel percorso iniziatico che passa per mestieri quali l’aiuto o l’assistente alla regia. In questa fase, oggi dimenticata, nell’epoca degli Amici e dei Grandi Fratelli, artefici di successi immediati quanto illusori e, molto spesso, immeritati (l’unica eccezione finora è Luca Argentero, scelto proprio da Ozpetek per l’intenso Saturno contro del 2007), collabora con nomi importanti della nostra cinematografia come Massimo Troisi (Scusate il ritardo, 1983), Ricky Tognazzi (Ultrà nel 1990 e La scorta nel 1993) e Marco Risi (Il branco nel 1994).

Il «salto» dietro la macchina da presa arriva nel 1997 con Il bagno turco – Hamam, patrocinato proprio da Risi e presentato con successo alla Quinzaine des Réalisateurs alla 50ª edizione del Festival di Cannes.
Una sensibilità raffinata, un vero compiacimento per l’esuberanza di un folklore non turistico e una mano già esperta nel raccontare per immagini sono le qualità che connotano in Ozpetek un regista dal quale si possono attendere altri film belli”. Con queste parole il compianto Tullio Kezich salutava l’esordio del regista turco. Nel viaggio del protagonista (un quasi esordiente Alessandro Gassman, già abile nel delineare un proprio stile recitativo capace di discostarsi dalla non facile eredità paterna), in Turchia per chiudere certi affari lasciati in sospeso da una zia deceduta, emergono già gli elementi che diverranno tipici, vere e proprie marche stilistiche, della sua cinematografia. Il fascino della buona cucina, ad esempio, e l’idea della convivialità come emblema dell’affetto più puro e sincero, un sentimento che va al di là della semplice e sopravvalutata parentela e che finisce inevitabilmente col conquistare chiunque entri in contatto con gli affiatati componenti di queste «famiglie allargate».
La diversità, di uno stile di vita come di un amore omosessuale, è occasione di arricchimento e, soprattutto, di definitiva scoperta di se stessi, mai di pericolo o dubbio.

Postato in Cinema
Di MovieSushi.it   |   02 Marzo 2010
Sì, hanno anche litigato sul set, Riccardo Scamarcio e Ferzan Ozpetek. Ma non aspettatevi chissà quale scoop. I due, insieme alla conferenza stampa di presentazione di Mine vaganti di ieri a Roma, ci ridono su. Perché di scontri sul set, e molto più violenti di questo, è piena la storia del cinema. E Scamarcio e Ozpetek, per la prima volta assieme, sanno bene che questo vuol dire tensione creativa, bisogno di conoscersi e di venirsi incontro, di capirsi meglio. Perché Tommaso, il personaggio di Riccardo Scamarcio, non è per nulla facile. Per la prima volta il sogno di migliaia di ragazze interpreta sullo schermo un personaggio omosessuale. E se lo fa con garbo e misura è merito suo, ma anche del confronto-scontro con Ozpetek. In Mine vaganti, in uscita il 12 marzo in circa 500 copie (di cui una decina sottotitolate per non udenti), Scamarcio è Tommaso, rampollo di una famiglia alto borghese con pastificio del Salento, che ha studiato a Roma dove è stato libero di innamorarsi di chi ha voluto lui. Cioè un ragazzo. Tornato a casa per fare outing, viene battuto sul tempo dal fratello Antonio (Alessandro Preziosi), che invece ha dovuto sempre nascondere la sua indole rimanendo a casa per guidare l’azienda di famiglia. Tommaso non se la sente di ferire ancora il padre (Ennio Fantastichini), sconvolto fino all’infarto. Ed è costretto a nascondere le sue inclinazioni. La sua omosessualità, ma anche la sua volontà di fare lo scrittore, invece che l’imprenditore. Da qui nasce una commedia degli equivoci. Rispetto al suo stile, Ozpetek con Mine vaganti vira decisamente verso una commedia vera e propria, divertente, contagiosa ed eccessiva. Le mine vaganti del titolo sono quelle che fanno esplodere le convenzioni borghesi e perbeniste. Una di queste è appunto Tommaso. Riccardo Scamarcio ci ha raccontato come è nato il personaggio.
Postato in Cinema
Di MovieSushi.it   |   01 Marzo 2010
“Siamo nel 2010”. “Appunto, non siamo più nel 2000”. È il dialogo tra Tommaso (Riccardo Scamarcio) e il suo compagno, amanti gay costretti a nascondersi per non dispiacere alla famiglia di Tommaso, tradizionale e alto borghese casata leccese con azienda pastificia da portare avanti. Tommaso ha studiato a Roma e ha scelto di amare chi preferiva. Tornato a Lecce, vuole fare outing con la propria famiglia, ma viene battuto sul tempo dal fratello Antonio (Alessandro Preziosi), che ha dovuto nascondere indole e amori per occuparsi dell’azienda di famiglia. È Mine vaganti, il nuovo film di Ferzan Ozpetek, in uscita il 12 marzo in circa 500 copie (di cui una decina sottotitolate per non udenti). Le mine vaganti sono quelle destinate a creare disordine, a scombinare tutto, a cambiare i piani. Come Tommaso e Antonio, ma come molti dei personaggi di un film corale, in cui Ozpetek prova a giocare la carta della commedia, giocando sull’eccesso, in un Salento dorato e magico. Ma in quel “Siamo nel 2010. Appunto, non siamo più nel 2000” c’è anche un fondo di amarezza per un’Italia che non è più quella del 2000, quella del tempo de Le fate ignoranti, in cui i gay potevano dichiararsi con più serenità e in generale il clima intorno agli omosessuali sembrava più propenso alla comprensione. Alla conferenza stampa del film di oggi a Roma, il discorso con Ferzan Ozpetek è partito proprio da qui.
Postato in Cinema
Di MovieSushi.it   |   24 Ottobre 2009
Io non ho paura. Potrebbe essere questo il motto di Luca Lucini. Ne parlavamo già qualche anno fa, all’indomani dell’uscita del suo secondo film, L’uomo perfetto. Non ha paura, Lucini, di fare film popolari, destinati a un grande pubblico (e infatti ci conferma l’accezione positiva del termine popolare secondo lui). Non ha paura di fare le commedie, in un’era in cui un giovane che dice di voler fare il regista dà per scontato di dirigersi verso un cinema autoriale. Non ha paura di noi critici, e fa bene. Perché verso un film come Oggi sposi in molti potrebbero avere dei pregiudizi. Ma poi alla proiezione stampa al Festival di Roma ridevano quasi tutti. Perché Lucini non ha avuto paura di fare una commedia pura, che facesse soprattutto ridere. L’operazione sembra riuscita. Ora la sfida sarà quella degli incassi, visto che il film punta forte in questo senso.
Postato in Cinema
Di MovieSushi.it   |   20 Ottobre 2009
Quattro matrimoni senza alcun funerale. È il nuovo film di Luca Lucini, Oggi sposi, presentato al Festival di Roma fuori concorso. Non tutti i quattro matrimoni, sullo schermo, riescono. È un matrimonio piuttosto riuscito invece il film di Lucini. Nel senso che sposa due filoni della commedia italiana che finora erano rimasti su due binari diversi: il cinema più popolare degli incassi garantiti di Fausto Brizzi e Marco Martani (autori sia dei cinepanettoni di Neri Parenti che delle "notti prima degli esami") e la commedia più sofisticata e legata alla realtà di Fabio Bonifacci (Lezioni di cioccolato, Diverso da chi?, ma soprattutto Si può fare). Il risultato è quello che potremmo definire la terza via della commedia: né cinepanettone, né commedia sentimentale, ma commedia pura, con un occhio al passato e uno al presente.
Postato in Cinema
Di MovieSushi.it   |   20 Ottobre 2009
Può baciare la sposa. Sì, ma quale? Sono quattro, e tutte bellissime, le spose di Oggi Sposi di Luca Lucini, presentato oggi al Festival di Roma fuori concorso: un film sopra le righe, lontano dagli standard della commedia nostrana di oggi, che guarda al passato. Tra questi personaggi eccessivi ci stanno benissimo Carolina Crescentini e Gabriella Pession. La prima è Giada, una massaggiatrice che sta per sposare Renato, un ricco settantenne (Renato Pozzetto): che sia per soldi? La seconda è la platinatissima Sabrina Monti, starlette televisiva che sta per sposare un imprenditore in bancarotta simil-Ricucci. Per amore? Certo…
Postato in Cinema