Di Giuliana Molteni   |   16 Febbraio 2017

 Gli ultimi giorni di Jackie

Ci sono due personaggi più lontani di Jacqueline Bouvier vedova Kennedy, poi sposata Onassis, e il regista cileno Pablo Larrain? Difficile trovarne di più diversi. Eppure proprio Larrain con questo suo film traccia uno dei più bei ritratti di colei che è stata la più fuggevole e più indimenticabili First Lady degli Stati Uniti, ponendo un altro tassello alla sua riflessione (dopo Neruda e dopo No) al rapporto fra potere e comunicazione, alla potenza della rappresentazione del mito contro la realtà.

Postato in Cinema
Di MovieSushi.it   |   07 Febbraio 2010

Un brivido lungo la schiena aveva percorso, qualche giorno fa, le schiene degli amanti di Watchmen alla notizia che la DC Comics aveva intenzione di mettere in cantiere un sequel della straordinaria graphic novel di culto realizzata da Alan Moore e Dave Gibbons, per realizzarne al più presto una trasposizione cinematografica (ne parlavamo in questa news).

Postato in Cinema
Di MovieSushi.it   |   04 Febbraio 2010

Al botteghino non è andato molto bene e la critica si è letteralmente divisa tra chi lo ha adorato e chi lo ha detestato. Watchmen di Zack Snyder ha avuto comunque l'innegabile merito di aver fatto discutere molto e siamo sicuri che altrettanti discussioni le genererà la decisione della DC Comics di realizzare un sequel della graphic novel di Alan Moore.

Postato in Cinema
Di MovieSushi.it   |   26 Novembre 2009

L'anno scorso, nel Dizionario Atipico del giallo 2009, riflettevamo sulla difficoltà nel rintracciare un buon lavoro cinematografico di genere, discutevamo sul senso delle contaminazioni, con Giancarlo De Cataldo si parlava di come non si potessero trascurare gusti ed età del pubblico e accennavamo, infine, all’impossibilità di scovare un buon autore di gialli italiano. Non per forza un Hitchcock dei noantri, quanto meno un regista pronto a scommettere su una sceneggiatura di quelle davvero ben scritte (caso raro), dove il meccanismo ad orologeria funziona (rarissimo) tanto da incollare lo spettatore sulla sedia e farlo esplodere, nel finale, in un fragoroso applauso (miracolo).

Postato in Cinema
Di MovieSushi.it   |   13 Novembre 2009
Dillinger è morto. Anzi, no. Dillinger è vivo. Ma è meglio dire vivido. È questo l’aggettivo che più si addice all’immagine che Michael Mann confeziona per il suo Nemico pubblico, ritratto di un uomo, il rapinatore gentiluomo John Dillinger (Johnny Depp) e di un’epoca, gli anni Trenta della Grande Depressione post 1929. Le immagini che raccontano questa storia così antica sono in realtà modernissime, nitide. Vivide, appunto. Il film è girato in digitale, un mezzo che nessun altro oggi sa usare come Michael Mann, che di questa tecnica può essere considerato il precursore, e uno dei più agguerriti sostenitori. Uno dei maestri, insomma.
Postato in Cinema
Di MovieSushi.it   |   10 Novembre 2009

E’ appena uscito in 350 sale italiane, Nemico Pubblico, (capo)lavoro partorito dal talento di uno dei più interessanti registi viventi: Michael Mann.

Postato in Cinema
Di MovieSushi.it   |   02 Novembre 2009
Chi ama la bella Julia Roberts aspetta con ansia di ammirarla in Eat, Pray, Love, il suo film girato in Italia. Non la vedrà invece nel suo prossimo impegno, in cui figura nelle vesti di produttrice. La Red Om, la sua casa di produzione, ha acquistato i diritti di In The Neighborhood, il libro di Peter Lovenheim che sarà pubblicato il prossimo aprile.
Postato in Cinema
Di MovieSushi.it   |   24 Settembre 2009
Trailer italiano di Nemico Pubblico. La storia dell’imprendibile bandito dell’era della Grande Depressione, adorato dal popolo e detestato dall’FBI. Nel cast del film diretto da Michael Mann la coppia Depp- Bale rispettivamente fuorilegge e agente speciale.
Postato in Cinema
Di MovieSushi.it   |   15 Settembre 2009

Dopo la tappa romana, Julia Roberts continua il suo "tour" per l'Italia, impegnata nelle riprese del suo prossimo film Eat, pray, love, tratto dall'omonima autobiografia della scrittrice Elizabeth Gilbert.

Postato in Cinema
Di MovieSushi.it   |   03 Novembre 2009
È ancora una volta “la sfida”, come recitava il sottotitolo italiano di Heat, per Michael Mann. E come quasi sempre accade nei suoi film ci sono due “duellanti” pronti a sfidarsi all’ultimo sangue. Johnny Depp e Christian Bale come Al Pacino e Robert De Niro (e forse sono i Pacino e De Niro della loro generazione), come Tom Cruise e Jamie Foxx in Collateral. Depp e Bale sono rispettivamente John Dillinger, rapinatore di banche a cui la fama ha procurato la carica di “nemico pubblico numero uno” e Melvin Purvis, l’agente dell’FBI che lo insegue. Siamo negli anni della Grande Depressione, gli anni Trenta. E Nemico pubblico è un ideale prequel di tutti gli altri film di Mann, da Manhunter a Heat – La sfida, da Collateral a Miami Vice. C’è dentro il seme del crimine che arriverà fino ai giorni nostri. C’è la sfida ossessiva e assoluta tra due uomini. C’è la città grande e tentacolare che avvolge i personaggi. Il confronto tra Dillinger e Purvis inizia subito, a distanza, in montaggio alternato. E i due si incontreranno dopo molto tempo. Tra loro non ci sarà il tavolo di un ristorante come avveniva per Pacino e De Niro, ma le sbarre di una cella. Comunque una barriera, il simbolo di due esistenze vissute da due parti opposte della barricata.
Postato in Cinema
Pagina 1 di 5