Di Giuliana Molteni   |   02 Febbraio 2017

 Occhio nel cielo, occhio di dio

Negli scenari sempre più foschi dei nostri tempi, resta d’attualità un film come Il diritto di uccidere, di cui segnaliamo l’uscita su Blu-ray grazie a Teodora Film e CG Entertainment. L’immagine è sempre ben definita e nitida, nella resa della fotografia originale, dalle dominanti molto naturali, che alterna gli interni delle “stanze dei bottoni” e degli assolati panorami africani, alle riprese fatte dai droni.

Postato in Homevideo
Di Giuliana Molteni   |   23 Agosto 2016

 Occhio nel cielo, occhio di dio

Se dall’alto dei cieli non ci osserva più l’occhio di dio ma un drone, vuol dire che questi sono i nostri tempi, queste sono le guerre di oggi (il terrorismo ha mutato molti equilibri) e le conseguenti regole di ingaggio sono molto mutate. Ma la morale, almeno per gli occidentali, almeno a vedere la storia narrata, è antiquata e necessiterebbe di aggiornamenti pure lei, anche perché gli scrupoli morali qui sono determinati soprattutto dalle conseguenze sull’opinione pubblica, tema più sensibile oggi data l’invasività dei Social Media.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   21 Aprile 2016

 

Officer Down

Una banda formata da due ex contractor e alcuni poliziotti corrotti fa i lavori sporchi per una mafia di ebrei russi (la “Mafia Kosher”), per legami di famiglia, per soldi, per incoscienza. Come non bastasse, nell’esercizio delle loro funzioni i poliziotti si mischiano anche al giro delle gang latine di trafficanti di droga. Fra la crudeltà estrema dei russi e la ferocia dei sudamericani, la Polizia regolare cerca di districarsi, con i pochi mezzi a disposizione e altissimi prezzi da pagare.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   01 Ottobre 2015

Paura d'amare

Un genitore deve sempre stare attento a ciò che promette al proprio figlio, pena devastazioni che si estenderanno sul futuro del piccino, sulla sua età adulta. E così via, di generazione in generazione, come se l'essere umano fosse condannato a espiare in eterno i peccati originali di coloro che più di tutti lo hanno amato. Katie è la "Patatina", la Potato Chip del suo adorato papà Jake (Russell Crowe).

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   21 Maggio 2015

Se la fede è una botta in testa

Edizione da primato assoluto per Exodus: Dei e Re, la rilettura della parabola esistenziale di Mosè per mano di Ridley Scott. Nel Blu-ray Fox in 2D l'immagine è di perfezione assoluta, in ogni circostanza. Che siano primi piani o campi lunghi, scene di massa o interni delle abitazioni, pieghe dei volti o dettagli dei vestiti, in piena illuminazione o in sequenze buie, il dettaglio è assoluto, la nitidezza cristallina, nella resa perfetta delle tonalità volute dal direttore della fotografia Darius Wolski.

Postato in Homevideo
Di Giuliana Molteni   |   15 Gennaio 2015

Se la fede è una botta in testa

Scopo del cinema, dalla sua creazione, è stato lo stupore, la meraviglia: il "trucco", che permetteva di vivere esperienze inusuali, di esplorare mondi diversi, di visitare epoche lontane. Questa concezione ha trovato il suo massimo fulgore nella Hollywood degli anni 50/60, con i famosi colossal in costume, visti allora come pacchiane americanate, rivalutati poi come esempi di sublime kitsch artistico d'epoca. In quel genere Ridley Scott si era già cimentato con Il Gladiatore e Le crociate (ma mettiamoci dentro anche 1492) e torna oggi con la sua rivisitazione di una storia celeberrima, quella di Mosè e della fuga degli ebrei dall'Egitto, avventura ben nota anche ai non credenti, anche a chi la vive tutt'al più come una bella favola.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   04 Aprile 2014

Motori e vendetta

America, macchine, motori, velocità, un connubio eterno. E strade infinite e Road Movie e Punto Zero e Sugarland Express, e buoni e cattivi che si inseguono col vento nei capelli, nel rombo dei motori. E Grand Prix e Bullitt e Fast and Furious. Arriva oggi sui grandi schermi Need for Speed, film ispirato al più venduto gioco di corse automobilistiche, che si rifà a uno stile anni '70, meno iperbolico di F&F, più Steve McQueen che Vin Diesel.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   20 Marzo 2014

Letteralmente

Talvolta, in momenti di vera disperazione, a qualcuno può passare per la testa l'insana idea di farla finita. Visto che in Europa procurarsi un'arma per tirarsi un colpo è più difficile che negli States, non resta che buttarsi sotto un treno o in alternativa, giù da un piano sufficientemente alto. Questa è la scelta di Martin (Pierce Brosnan), un ex divo di talk show, distrutto nel privato e nel pubblico da uno scandalo sessuale, che nella notte di Capodanno in una festante Londra sale sul tetto di un grattacielo ben deciso a farla finita.

Postato in Cinema