American Pastoral: Recensione

Di Giuliana Molteni   |   21 Ottobre 2016

 I sogni muoiono all’alba

Seymour Levov (Ewan McGregor) ha vissuto nel Sogno americano. Detto lo “Svedese” ai tempi del college, era un eroe sportivo per la sua scuola e come da repertorio ha sposato la reginetta del reame, della scuola, dello stato, la splendida Dawn (Jennifer Connelly). Di ricca e laboriosa famiglia, Seymour è subentrato con successo al padre nella conduzione della fabbrica di guanti. Siamo negli anni 50/60, gli anni della felicità, dell’espansione del dopoguerra e del boom economico, che però si sono presto rattrappiti nella contestazione, nella guerra del Vietnam, nella caduta di molti ideali.

Cicogne in missione: Recensione

Di Giuliana Molteni   |   21 Ottobre 2016

 Quando volavano le cicogne

Tanto tanto tempo fa i bambini li consegnavano le cicogne. Dopo qualche incidente di percorso però, si è pensato che fosse meglio fare diversamente e riqualificarsi. L’infallibile macchina organizzativa si è così reciclata in una specie di Amazon, il cui motto è “consegnare sempre!” a capo della quale sta per essere promosso l’efficiente Junior, giovane e ambiziosa cicogna.

Io, Daniel Blake: Recensione

Di Giuliana Molteni   |   21 Ottobre 2016

 In questo mondo libero

Il Daniel Blake del titolo, che vive a Newcastle, vedovo sessantenne con linda casetta di proprietà, arredata con decoro e amore, si trova stritolato in un loop kafkiano: carpentiere, ha avuto un infarto mentre lavorava su un ponteggio e medico e fisioterapista gli negano l’autorizzazione per tornare al lavoro. Quindi non può usufruire del sussidio di disoccupazione, perché non è in grado di sostenere un lavoro, ma non può nemmeno godere del sussidio per malattia, perché nonostante i certificati, una burocrate zelante (non medico) non gli approva la richiesta.

Jack Reacher – Punto di non ritorno: Recensione

Di Giuliana Molteni   |   21 Ottobre 2016

 Daddy Reacher

E torna anche Jack Reacher, personaggio nato dalla penna di Lee Child, protagonista di ben 20 libri (e sta per uscire il ventunesimo), già portato su grande schermo nel 2012, l’uomo che “Never go back” come recita il titolo originale. Anche questa volta Jack è affidato a Tom Cruise che con la sua faccia da cinquantenne ben tenuto è ancora credibile nel ruolo del disilluso ex Maggiore dell’Esercito.

Bad Moms – Mamme molto cattive: Recensione

Di Giuliana Molteni   |   14 Ottobre 2016

 La rivincita delle mamme

Cosa fa definire una donna una buona mamma? La severità o la ragionevolezza, il dedicarsi interamente all’accudimento o il mantenere un lavoro necessario a se stesse e alla famiglia? E l’accudimento quanto deve essere pressante, a rischio di diventare castrante? E lo stimolo ai pargoli quando degenera nella nevrosi nociva ai figli? Insomma, un argomento sempre attuale e molto impegnativo.

Go with Me: Recensione

Di Giuliana Molteni   |   14 Ottobre 2016

 Quando la misura è colma

Quando un paese è tanto grande, la sua vastità contribuisce a creare zone oscure, dove il braccio della legge, dell’autorità centrale, stenta ad arrivare e chi le amministra è troppo isolato per poter imporre regole di vita comuni. Nell’immenso Oregon (255 mila chilometri quadrati per 3milioni di abitanti, in Italia siamo in 60 milioni su poco più), ci sono sterminate distese di foreste, così lontane e folte da aver ostacolato il lavoro predatorio degli esseri umani.

Inferno: Recensione

Di Giuliana Molteni   |   14 Ottobre 2016

 Enigmi col morto

L’umanità, cancro per il suo stesso corpo, è la malattia, l’Inferno è la cura. Cosa intenderà l’enigmatico miliardario ambientalista Zobrist, pure pericolosamente ingegnere genetico, nel pronunciare queste parole davanti al mondo intero? Il feuilleton tira sempre, così sembra a guardare le vendite dei libri e gli incassi dei film. La “ggente” vuole, ama, storie elementari dove i buoni vincono sempre dopo averne passate di tutti i colori, e i cattivi pagano il fio delle loro colpe.

Lettere da Berlino: Recensione

Di Giuliana Molteni   |   14 Ottobre 2016

 Scrivete, scrivete, qualcosa resterà

Come una goccia scava la pietra, si usa pensare che anche piccoli gesti contribuiscano a modificare la storia, come tante piccoli sassi possono fare una valanga. Nel 1940 a Berlino Otto e Anna Quangel sono una tranquilla coppia di umili piccolo-borghesi. Un evento tragico spezza il loro rassegnato tran tran, la morte del figlio al fronte. Questa notizia induce Otto a tentare una piccola ribellione nei confronti di un sistema che sta mandando a morire la gioventù dell’intera Europa.

Warcraft: L’inizio Blu-ray: Recensione

Di Giuliana Molteni   |   10 Ottobre 2016

 Fiabe…what else?

Ben cinque edizioni ha rilasciato Universal per Warcraft – L’inizio, primo film della nota saga tratta dall’universo creato da Blizzard nel 1994 con Warcraft: Orcs and Humans, che si è sviluppato via via fino a diventare nel 2004 il MMORPG noto a tutti, anche ai non giocatori. Dopo anni di progetti presi e abbandonati, il trattamento è stato affidato a Duncan Jones (Moon, Source Code), nella difficile, penalizzante impresa di soddisfare i videogamer e il pubblico puramente cinematografico, appassionato di fantasy cruenti.

Deepwater – Inferno sull’Oceano: Recensione

Di Giuliana Molteni   |   06 Ottobre 2016

 

In nome del profitto

Il 20 aprile del 2010 la piattaforma di perforazione offshore Deepwater Horizon, galleggiante al largo della Louisiana, ancora in fase di collaudo, subisce un devastante incidente che riguarda un pozzo situato a 1500 metri di profondità. È stato il disastro ambientale più grave della storia, molto più grave di quello della famosa petroliera Exxon Valdèz del 1989. Proprietaria era la svizzera Transocean, che affittava la gigantesca piattaforma alla BP (British Petroleum) per 496.000 dollari al giorno.