Di Giuliana Molteni   |   26 Maggio 2016

 

Né la città, né il profumo

Di film su Cile di Pinochet ne abbiamo visti molti, di storie ne abbiamo sentite altrettante. Eppure c’è sempre qualcosa da imparare. Il film Colonia scritto e diretto da Florian Gallenberger, tratto dal libro di Erwin Wickert, ci racconta una nuova pagina di orrori, che però fanno da cornice a una grande storia di amore e sacrificio. Si inizia sulle bellissime note di Ain’t No Sunshine (when she’s gone, di Bill Withers e la Lei che se ne è andata potrebbe anche essere la democrazia).

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   26 Maggio 2016

 

Mai una gioia

Julieta è una ancor bella donna sulla cinquantina che conosciamo mentre organizza il trasloco da Madrid al Portogallo, per seguire l’uomo che adesso, in età matura, ama. Ma non ce la fa a concedersi quella felicità, perché la sua vita, come apprenderemo nel lungo flashback di cui è costituito tutto il film, è sovrastata da una scura ombra fin dagli inizi.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   24 Maggio 2016

 

L’estetica alla sceneggiatura

Per la sua prima regia, Ryan Gosling sceglie come chiave narrativa una specie di brechtiano realismo magico/surreale che ambienta in un universo atemporale una storia che, senza gli eccessi alla David Lynch di cui è ricca, potrebbe essere perfettamente trasposta proprio nella città dove realmente è girata, quella Detroit devastata dalla crisi del 2008, grandi teatri, chiese, opere pubbliche, tutto abbandonato e dall’aspetto ormai post-apocalittico, interi quartieri di villette divenute fatiscenti, dopo gli sfratti imposti dalle banche, tutto lasciato a marcire fra vandalismi, ruspe, incendi.

Postato in Homevideo
Di Giuliana Molteni   |   19 Maggio 2016

 

Guerre, amori e non solo

Whiskey Tango Foxtrot, nomi di codici militari sentiti in tanti film di guerra, può essere anche il più casto acronimo della nota esclamazione di sorpresa in lingua inglese. Sorpresa che ci sentiamo di provare dopo la visione del film, che visto il cast, formato da divi di non primissimo piano, e data soprattutto la presenza della famosa “commediante” Tina Fey, poteva sembrare ben altro.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   19 Maggio 2016

 

Pazze idee

Beatrice (dal fantozziano cognome Morandini Valdirana) è una dama dell’alta borghesia italiana, bon chic bon genre all’ennesima potenza, una degna del giro di Gianni Agnelli (e invece è fan del “Cavaliere”, il segno dei tempi), alla quale la ricchezza non ha potuto fare da scudo fino in fondo. Donatella semplicemente Morelli non è che una povera borgatara indifesa, la cui avvenenza ha prodotto solo sciagure, lasciandola sola di fronte a difficoltà che non aveva gli strumenti per affrontare.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   12 Maggio 2016

 

Tutto fa spettacolo

I soldi non sono più quelli di una volta. Le monete e i pezzi di carta che abbiamo in tasca non corrispondono più a lingotti d’oro nel caveau di qualche banca, tutto è volatile, tutto scorre lungo l’etere, senza nemmeno più bisogno di cavi, in un clic si crea e si distrugge. Con quel clic i miliardi si spostano, affossando patrimoni e nazioni e facendo la ricchezza di qualche Paperone più furbo degli altri fessi.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   12 Maggio 2016

 

L’eterna ossessione

Salomè con la sua celeberrima danza dei sette veli è personaggio noto anche ai non appassionati di leggende bibliche, simbolo di tutte le femmine tentatrici. Siamo nel 14 d.C. Principessa figlia di Erodiade e di Erode Filippo I, Re di Giudea, Salomè aveva visto la madre abbandonare il padre per sposarne il fratello, Erode Antipa.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   09 Maggio 2016

 Com’è profondo il mare

Ottima edizione su Blu-ray Warner per lo spettacolare Heart of the Sea. Sempre alta la definizione, con ricchezza di dettagli sia nei primi piani che nelle spettacolari panoramiche. L’audio originale in Dolby Atmos (un True HD 7.1) fa davvero la differenza, rispetto al modesto DD 5.1 italiano, con una resa di massimo coinvolgimento nelle sequenze d’azione, con una minuzia negli effetti da restituire l’illusione di trovarsi in mezzo alla scena.

Postato in Homevideo
Di Giuliana Molteni   |   06 Maggio 2016

 

C’è sempre un muro da abbattere

New York 1969, sull’onda della rivoluzione sessuale i gay d’America sciamano dalle bigotte province al Greenwich Village, per vivere la propria esistenza alla luce del sole. Ma la loro libertà si riduce a esibire una folkloristica diversità, perché la società continua a respingerli, licenziarli, sfruttarli sessualmente, emarginarli insomma nel loro ghetto.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   02 Maggio 2016

 

 

Il senso del negoziatore per la pace

A chi si fosse perso in sala l’ultimo bel film di Steven Spielberg, Il ponte delle spie, consigliamo un recupero grazie alla bella edizione su Blu-ray Fox da poco pubblicata. L’immagine riproduce alla perfezione la splendida fotografia originale del pluri-premiato Janusz Kaminski, fedelissimo di Spielberg.

Postato in Homevideo
Pagina 7 di 139