Di Giuliana Molteni   |   12 Settembre 2016

 

Let’s Stick Together

La mamma è l’unica certezza della vita, non solo come nostra origine (mater sempre certa…), ma proprio come pilastro della famiglia, fondamento della società, dispensatrice insostituibile di affetti e cure. Cosa succede però quando questa certezza viene messa in dubbio? Elias e Lukas sono due gemellini sui dieci anni, due ragazzini un po’ selvatici e fantasiosi, che amano trascorre lunghe ore esplorando i fitti boschi circostanti la loro moderna, glaciale villa sull’orlo di un limpido lago, godendo nello spaventarsi, mentre affrontano immaginarie avventure.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   31 Agosto 2016

 

Me before you

Will Traynor è bello, ricco, intelligente, di classe, fichissimo insomma. Vive in un castello con i suoi molto chic genitori ed è una promessa della City. Ma resta paralizzato dopo un incidente di cui è vittima incolpevole. Non la prende bene. Louisa (Clarke) è una ragazzetta proletaria che, rimasta disoccupata, riesce fortunosamente a farsi assumere come sua assistente, una specie di dama di compagnia perché per tutto il resto Will, che è tetraplegico, è accudito da un simpatico infermiere.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   31 Agosto 2016

 La realtà è arte più della finzione che la rappresenta

La famiglia può essere tutto il bene o tutto il male del mondo, qualche volta entrambi. Di famiglie cosiddette “disfunzionali” sono pieni letteratura, cinema e serie tv (e la vita vera) e molte volte ci sono state raccontate storie di padri e figli alle prese con difficili rapporti, storie che finiscono bene o che finiscono male.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   23 Agosto 2016

 

Sympathy for the Devil

Quel che si fa, si fa per la Famiglia. Quante volte l’abbiamo sentita questa frase, impugnata per ribadire sacrifici eroici o per giustificare nefandezze. Pure il mitico narcotrafficante Pablo Escobar Gaviria la pensava così, mentre dal suo rifugio nella giungla tesseva la sua rete di potere basato sul traffico di cocaina.  Per rivalsa su umili origini, per sete di potere, per primordiale istinto di supremazia, i soldi non sono mai abbastanza, la propria influenza va esibita sempre di più, l’obbedienza dei vassalli non basta mai, le ambizioni sono da folli.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   23 Agosto 2016

 

La banalità del Male

Primi anni ’80, la dittatura argentina è agli sgoccioli.  L’arzilla Famiglia Puccio (nome vero, è storia, raccontata anche nella serie tv argentina Historia de un clan) da anni campa alla grande grazie alle connivenze del capofamiglia Arquimedes con il sistema. Ma non sono più i bei tempi andati e gli appoggi cominciano a mancare.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   23 Agosto 2016

 Occhio nel cielo, occhio di dio

Se dall’alto dei cieli non ci osserva più l’occhio di dio ma un drone, vuol dire che questi sono i nostri tempi, queste sono le guerre di oggi (il terrorismo ha mutato molti equilibri) e le conseguenti regole di ingaggio sono molto mutate. Ma la morale, almeno per gli occidentali, almeno a vedere la storia narrata, è antiquata e necessiterebbe di aggiornamenti pure lei, anche perché gli scrupoli morali qui sono determinati soprattutto dalle conseguenze sull’opinione pubblica, tema più sensibile oggi data l’invasività dei Social Media.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   23 Agosto 2016

 

La minaccia che incalza

In questi tempi di grandi incertezze universali, tanto per gradire torna il tema della natura selvaggia e ostile, dell’animale selvatico nemico, che oppone la sua forza bruta all’intelligenza dell’umano, al quale nella sua minore forza fisica non resta che sopperire con la furbizia, la determinazione, il coraggio. Qual è il rappresentante del regno animale che ci fa più paura? Sorvolando su topi o insetti, sulla terraferma nessuno vorrebbe trovarsi davanti un leone o una tigre, personalmente siamo spaventati dagli orsi.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   20 Agosto 2016

 

E per tetto un cielo di stelle

Passando per Netflix, diventa finalmente visibile Slow West, film del 2015, etichettato come western, mentre è molte altre cose e molto di più. Far West, Wild Wild West, C’era una volta…. ora Slow West: quante storie ha ispirato quel mitizzato “oltre” verso cui si indirizzavano gli emigranti europei che si spingevano sempre più ad Ovest in cerca di quella terra promessa dove vivere finalmente senza oppressioni e soprusi, che doveva, doveva per forza esistere, per compensarli di tanti sacrifici e sofferenze.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   14 Luglio 2016

 

Le “rivoluzioni” di oggi

Parigi si appresta a festeggiate il suo 14 luglio, fatidica data che ricorda la presa della Bastiglia da parte del popolo francese durante la Rivoluzione nel 1789. La città è in fibrillazione per i noti problemi di sicurezza. Fra le migliaia di turisti che si aggirano in città con il naso per aria, si muove agile e indisturbato il ladro americano Michael (Madden), uno di quelli capaci di toglierti le mutande senza farsi beccare (come usa adesso descrivere quando si parla di truffatori/borseggiatori/prestigiatori).

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   14 Luglio 2016

 

Il Wi Fi ci uccide?

Come molto artisti in vari campi, anche Stephen King ha avuto il suo momento d’oro ma da anni non raggiunge più i livelli di quei tempi felici (per lui, per noi). Arriva adesso sugli schermi l’ennesima trasposizione di un suo romanzo più recente, Cell del 2006.

Postato in Cinema
Pagina 5 di 139