Di MovieSushi.it   |   30 Maggio 2008

Musica per le orecchie del cine­ma indipendente.
Un film fatto con mezzi di fortuna, meno di 100.000 dollari, con una foto­grafia praticamente "naturale" (ovvero, mai la luce giusta, e so­prattutto mai abbastanza), at­tori sconosciuti, imperfetti il giusto, una macchina da presa bizzosa, da mesi continua a mietere milioni grazie a una storia casta, romantica e sincera che vi farà innamorare senza che neanche ve ne accorgiate.

Postato in Cinema
Di MovieSushi.it   |   28 Maggio 2008

I migliori anni della nostra vita.
Berlusconi, Bossi e Fini (e non solo) rischiano davvero di ren­dere poco grottesca questa definizione sul regno andreottiano nell'Italietta del dopoguer­ra. Renato Zero entra nella sto­ria del cinema e lo deve a quel genio di Paolo Sorrentino.
I due profeti del nuovo cineapolitan power (Garrone è ro­mano, ma il capolavoro Gomorra è partenopeo, nel bene e nel male) sono come Careca e Maradona. Classe da vendere, raf­finatezza ed efficacia Garrone, trovate impossibili e uniche come il suo talento, irriveren­za, spettacolo puro Sorrentino.

Postato in Cinema
Di MovieSushi.it   |   06 Giugno 2008

Stasera l'Italia gioca contro l'Olanda, alla ricerca di un'altra cavalcata calcistica che cancelli le tante miserie e le poche no­biltà di questo nostro incorreggibile paese.
Ecco perché vedere L'anno in cui i miei genitori an­darono in vacanza di Cao Ham­burger non è un esercizio no­stalgico, seppur didascalico, ma utile.
La storia sta tutta nel titolo wertmulleriano: siamo in Brasile, è il 1970. Di quell’anno a Rio, San Paolo e dintorni si ricorda­no solo due cose: la dittatura e il mondiale messicano che portò ai migliori carioca di sempre la coppa Rimet, proprio contro l'Italia.
Il regista è un buon me­stierante che frequenta le per­sone giuste (Salles, Mereilles, Mantovani, Padilha, le Braga), ovvero la nouvelle vague brasi­liana che qui in Italia esce con tre film in otto giorni (Tropa de Elite e il piccante Lower city, in attesa dell'altro calciodramma Linha de Passe).

Postato in Cinema
Di MovieSushi.it   |   20 Giugno 2008

Che gran cinema italiano quest'anno a Cannes!

Postato in Cinema
Di MovieSushi.it   |   25 Agosto 2006

Se il vento fa il suo giro dalle parti della penisola iberica, una notte di lunghi rastrelli si prepara per la più classica delle cacce all'uo­mo.

Postato in Cinema
Di MovieSushi.it   |   12 Giugno 2008

Vedo la gente scema. È il tor­mentone principe dei finti trailer di Mai dire martedì, è uno dei cult di Maccio Capotonda, Ennio Annio e Bruno Liegibastonliegi, è Il sesto scemo.
Chissà cosa direbbe M. Night Shyamalan guardando il suo capolavoro parodiato senza pietà. Proba­bilmente apprezzerebbe, o tor­se avrebbe la stessa reazione che ha avuto chi scrive quando ha vi­sto E venne il giorno.
Sconcerto e incredulità, per uno che ama tutto il suo cinema, persino quel Lady in the water massacrato da pubblico e critica.

Postato in Cinema
Di MovieSushi.it   |   09 Maggio 2008

Cagliari, città aperta. Almeno al cinema, negli ultimi anni, la nouvelle vague sarda è una real­tà, con registi che sfornano pel­licole di ottima qualità e persino una "continentale" come Sabi­na Guzzanti, che ci ambienta il suo splendido Le ragioni dell'aragosta. Cagliari, città aperta perché per una volta non ci troviamo di fronte alla (auto)rappresentazione agropa­storale e bucolica della regione, ma a una sua visione moderna e multiculturale. Il capoluogo qui ha le meschinità e ricchezze del­la grande città, tra night di lus­suoso squallore e visi, vestiti e colori di diverse civiltà e iden­tità.

Postato in Cinema
Di MovieSushi.it   |   18 Giugno 2008

Altro che Renato Zero, il trian­golo Susanne Bier lo considera eccome.
Pur piena di talento e potenza registica, quando si de­ve sedere a scrivere (o leggere) una sceneggiatura per un suo film, il chiodo fisso è il ménage a trois. Non vi illudete. Niente storie piccanti per Benicio Del Toro e Halle Berry, il loro rapporto a tre è con il fantasma di David Duchovny (a volte ritornano, ma anche qui rimane un x-file), adorato marito di lei e migliore amico di lui. È la sola cosa che li unisce e lo scopriranno quando lui verrà accoppato in una rissa di strada. Brava moglie e giova­ne madre borghese Halle, tos­sicodipendente eroinomane Benicio, in un processo catarti­co incrociato e massacrante cercheranno di ricostruirsi, au­todistruggendosi parallela­mente e reciprocamente.

Postato in Cinema
Di MovieSushi.it   |   20 Giugno 2008

Casablanca è il supermercato dell'identità sessuale. Quello che pochi sanno è che oltre a cambiare genere (da uomo a donna o viceversa), puoi anche cambiare stato, tornare vergi­ne. Il viceversa, ovviamente, puoi farlo a casa senza proble­mi.
Ed è la città marocchina, al cinema nota per lo splendido film omonimo che costruì il mi­to di Bogart, il punto d'arrivo del roadmovie più bizzarro e queer dai tempi di Priscilla, regina del deserto, la storia vera degli stes­si protagonisti.

Postato in Cinema
Di MovieSushi.it   |   20 Giugno 2008

Belli, miliardari, potenti, liberi di non fare niente. Alla sola co­stante ricerca della propria fe­licità. Lo so, è una vitaccia. Da sempre una parte di cinema, let­teratura e teatro borghese ci vogliono convincere che "anche i ricchi piangono".
E noi ci appassioniamo alle vite disperate di questi opulenti nullafacenti che riescono nell'irritante impresa di essere infelici pur avendo tut­to.
Forse per disintossicarci dovremmo ascoltare in loop quel capolavoro di Caparezza che è Luigi delle Bicocche, ai suoi problemi si che ci dovremmo interessare. Invece al cinema arriva l'ennesima odissea di perversioni da famiglia bene.

Postato in Cinema