Di Giuliana Molteni   |   09 Agosto 2016

 

Lasciamoci odiare

Ci sembra giusto segnalare l’uscita su DVD CGHV di Pecore in erba, film italiano dell’anno scorso, passato quasi ignorato in sala, perché tratta con grande spirito un argomento che sta acquistando, purtroppo, sempre più evidenza. In nome infatti della famosa massima, erroneamente attribuita a Voltaire (“non sono d’accordo con quello che dici ma darei la vita perché tu possa farlo”), siamo costretti ad ascoltare incredibili bestialità, affermazioni che ledono buon senso o principi del vivere civile, falsi storici, insulti e offese di ogni genere.

Postato in Homevideo
Di Giuliana Molteni   |   01 Ottobre 2015

Lasciamoci odiare

Leonardo Zuliani è scomparso. Era un ragazzo splendido, faro per molti suoi coetanei, coraggioso oppositore del vile pensiero dominante, eroico combattente della libertà d'opinione, un vero modello per la sua generazione. In suo onore viene organizzata un'epocale manifestazione che trabocca da ogni piazza di Roma. Se ne interessano stampa e televisione, se ne gira una fiction (l'esilarante Paura d'odiare, con star del calibro di Francesco Pannofino, Margherita Buy, Carolina Crescentini, Paola Minaccioni).

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   10 Aprile 2015

Con il bastone non si comanda

Il cane è il migliore amico dell'uomo, giusto perché gli uomini non possono essere amici fra loro, impegnati come sono a sopraffarsi a vicenda. I genitori vessano i figli, gli insegnanti brutalizzano gli allievi, i compagni di scuola sono prepotenti ed egoisti, i vicini di casa si spiano con astio delatorio, il Governo impone regole spietate, perfino fra delinquenti i più forti non hanno pietà di quelli di rango inferiore.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   14 Ottobre 2013

C'è chi dice No
Da recuperare assolutamente per chi l'avesse perso al cinema, esce su DVD Cecchi Gori No – I giorni dell'arcobaleno, terzo capitolo della trilogia dedicata da Pablo Larrain alla dittatura cilena, con approccio del tutto differente ai due precedenti capitoli, i cupissimi Tony Manero e Post mortem. L'immagine del DVD si adegua alle scelte della fotografia originale, con il formato in 4/3 e in bassa definizione, volute dal regista per amalgamare alla perfezione la fiction a tutto l'autentico materiale di repertorio, gli spot e le immagini delle manifestazioni e dei disordini.

Postato in Homevideo
Di Giuliana Molteni   |   29 Agosto 2013

Troppi lo chiamano papà
Sarà davvero così importante sapere a chi apparteneva quello spermatozoo che ha fecondato l'ovulo di nostra madre (mater semper certa...), anche se poi cresciuti amorosamente senza il padre biologico? Sembra di sì a vedere il film Starbuck, nel quale 533 figli del medesimo donatore di sperma decidono di fare causa alla clinica che ha troppo disinvoltamente usato e in troppi casi il "prodotto" di un unico "volontario" mercenario. La legge vieta di rivelare il nome del donatore (e ci mancherebbe altro) ma loro ci provano, in particolare 143 ragazzi, che mettono insieme un dossier per presentarsi al genitore, che sperano di poter conoscere solo trascinando tutti in tribunale.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   08 Maggio 2013

C'è chi dice No
In Cile nel 1988, dopo 15 anni di dittatura spietata seguito al colpo di Stato contro Allende e al suo assassinio, Pinochet è costretto dalle pressioni internazionali a indire un referendum (nonostante l'implicita legittimazione della visita di Papa Wojtyla nel 1987). La "gente" si sa ha la memoria corta, tranne quelli direttamente colpiti da un lutto personale (le famiglie dei desaparecidos). Gli altri sono intenti solo a mandare avanti la baracca. Solamente un 40 % se la passa davvero bene, ma al resto è stata propinata la Promessa all'americana: se ti impegni, se ti dai da fare, forse (forse) ce la farai.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   11 Marzo 2013

Non è un paese per poveracci
Ottima versione su DVD CG Homevideo per Killer Joe, il torbidissimo e violento noir di William Friedkin, interpretato da un gran cast. Il film, presentato con successo al Festival di Venezia del 2011, ha avuto tardiva distribuzione in sala e arriva in homevideo dopo due anni dalla sua realizzazione. L'immagine è sempre molto nitida nella resa della brillante fotografia originale. La versione su DVD del film, che è stato girato in digitale, brilla per l'assenza di grana e la perfetta definizione sia nei primi piani sia nei campi lunghi. Ottimo l'audio, in DD 5.1, con i dialoghi sempre ben centrati e una resa potente e dettagliata di ambiente e musiche, oltre che degli effetti nelle scene più movimentate.

Postato in Homevideo
Di Giuliana Molteni   |   07 Febbraio 2013

Gli ultimi resteranno ultimi

Nelle aree golenali del delta del Mississippi, nella Louisiana del Sud, zona denominata Bathtub (vasca da bagno), sopravive una comunità di sventurati, barboni alcolizzati, avanzi della vita "scremati" dalla società affluente e depositati come la schiuma sporca sulla riva del mare. Là vive Hushpuppy, sei anni, solo un padre ubriacone e malato a farle da maestro di vita. La piccola comunità vive emarginata dalla popolazione della città vicina, che si è resa colpevole di errori suicidi, che hanno provocato all'ambiente i danni che nuoceranno un giorno pure a lei, come insegna la maestra che con un barchino tocca tutti i gruppi degli abitanti nel delta. Mischiando leggende, superstizioni e avvertimenti, racconta le colpe di chi li ha confinati in quei luoghi, istruendo alla sopravvivenza per quando la catastrofe si abbatterà.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   29 Novembre 2012

Fuori dalle regole
Una volta si chiamavano alternativi oggi forse antagonisti, anche se non sempre sono persone che si oppongono con violenza all'autorità costituita, spesso cercano solo uno spazio a loro misura nelle pieghe del sistema. Cosimo, italiano, e Nicole, francese, si incontrano durante gli scontri al G8 di Genova e non si lasciano più. Dopo aver vagabondato per la Francia, finiscono a lavorare proprio in quella città per Paolo, un impresario di musica "indipendente", che però fa anche lui ricorso a tecniche "capitalistiche" da caporalato, padre padrone dei suoi collaboratori. Cosimo e Nicole passano un buon momento, si fermano, lui impara un mestiere interessante, trovano una specie di casa per loro, le cose sembrano andar bene. Ma un incidente in cui incorre un immigrato clandestino nel cantiere di Paolo scompagina tutte le carte, mettendo tutti davanti al proprio limite.

Postato in Cinema
Di Giuliana Molteni   |   11 Ottobre 2012

Non è un paese per poveracci
Texas: cieli senza fine percorsi da ragnatele di scariche elettriche, a terra casupole e baracche di lamiera, caldo torrido e diluvi, bifolchi, spacciatori, delinquenti e puttane. Chris (Emile Hirsch) è un miserabile spacciatore che convince il padre (Thomas Haden Church), un operaio rimbambito da alcol e droga, a far disinvoltamente ammazzare l'ex moglie, un pessimo soggetto pure lei. Incasseranno e si divideranno 50.000 dollari, l'assicurazione sulla vita, intestata alla figlia Dottie (Juno Temple), una ragazzina un po' lenta di comprendonio, che vive con lui e la seconda moglie, una trucissima cameriere di infimo livello (Gina Gershon). Per farlo assumono un killer, Joe Cooper (Matthew McConaughey), che è un poliziotto dal doppio lavoro, metodico e ben organizzato, molto affidabile. L'uomo però vuole una caparra e si prende Dottie, che lo incanta con la sua ingenuità di vergine. In un'escalation di follia collettiva, tutto andrà storto, peggio che al più fallito dei personaggi dei Fratelli Coen.

Postato in Cinema
Pagina 1 di 3