Di Giuliana Molteni   |   13 Maggio 2017

 Guy Meets Arthur

Apprendendo che Guy Ritchie stava mettendo mano alla leggenda di Re Artù e alla sua tavola rotonda, avevamo previsto un trattamento non certo tradizionale. Quindi niente Santo Graal o Avalon né armature di celestiale splendore come in Excalibur, nessuna ambizione di realismo storico/folkloristico nelle fangose e gelide lande del King Arthur di Fuqua o gli esperimenti storico/fantasy di L’ultima legione (o il fanciullesco divertimento della disneyana Spada nella roccia).

Postato in Cinema