MovieSushi

Kick-Ass: Il supereroe della porta accanto

di
 Dopo un anno di ritardo, arriva anche nelle sale italiane Kick Ass, adattamento cinematografico dell’omonimo fumetto ideato da Mark Millar (suo anche Civil War) e disegnato da John Romita Jr. E, come dice il proverbio, “meglio tardi che mai” visto che il film in questione rientra, sicuramente, tra i migliori adattamenti di comic book degli ultimi anni. La storia ha come protagonista l’adolescente americano Dave Lizewsk (Aaron Johnson), tipico nerd appassionato di fumetti, contornato di amici più sfigati di lui e che le ragazze le vede solo attraverso lo schermo del suo pc. Ma Dave è anche un inguaribile sognatore e, un giorno, disgustato dalla violenza e dalla criminalità che vede intorno a lui, si pone la fatidica domanda: “Com’è possibile che, fra tanti appassionati di fumetti, nessuno si decida a diventare un supereroe e si metta a combattere la criminalità?”. La risposta a questa domanda si trasforma in un gesto clamoroso: una volta scelto un costume di suo gradimento, Dave diventa Kick Ass, supereroe senza poteri ma…con molta buona volontà. Grazie al potere dei nuovi media (youtube su tutti), le sue goffe gesta iniziali (non prive di dolorose conseguenze) fanno il giro del mondo e attirano l’attenzione di Hit Girl e Big Daddy, padre e figlia che combattono un potente mafioso cittadino. Battaglia nella quale, suo malgrado, Dave sarà presto coinvolto.
Irriverente, divertente e ben interpretato (si, anche da Nicolas Cage nella parte di Big Daddy), Kick Ass è diretto da Matthew Vaughn, il quale è riuscito a confezionare un film adatto a qualsiasi tipo di pubblico (ovvero ad assecondare le voglie della distribuzione Mainstream) senza per questo rinunciare ad essere fedele al testo di partenza. Il regista, infatti, attenua solo lievemente la violenza graficamente esplicita di Millar e, soprattutto, riesce a cogliere in pieno quel gioco meta-narrativo con il quale l’autore ha smontato, parodiato, omaggiato e, nello stesso tempo, rivoluzionato gli stilemi del mondo dei supereroi. Kick Ass, in altre parole, ha la stessa struttura di Scream di Wes Craven solo che, invece che al cinema horror, la destrutturazione viene applicata al mondo dei fumetti. Vaughn è riuscito, inoltre, a cogliere perfettamente quel realismo da “gente comune” che tanto caratterizza le storie di Millar e a tradurlo in immagini cadenzate da un ottimo ritmo cinematografico e supportate da una sceneggiatura frizzante, citazionista e mai banale. Nel cast, spicca la prova della giovane Chloë Moretz, spietata ed energica supereroina in miniatura.

furbo e divertente

7