MovieSushi

Hotel Transylvania 3

Anche i Mostri hanno un cuore

di
Se perfino David Foster Wallace ha potuto scrivere un libro sulle crociere, vuol dire che si tratta proprio di un mondo particolare, piccole città galleggianti in cui per un certo periodo accettano di rinchiudersi gruppi di umanità varia, talvolta mostruosi a modo loro. Figurarsi cosa può succedere quando a fare la crociera sono dei mostri per davvero, come nel terzo episodio della spassosa serie Hotel Transylvania. Questa volta ritroviamo il simpatico Drac, vedovo inconsolabile, afflitto da pene d’amore mancante, stressato dal suo lavoro che, da organizzatore di nozze mostruose, gli fa sentire ancora di più la propria solitudine. Drac si rende conto che mai più sarà colpito dal famoso Zing (il coup de foudre “mostruoso” pure lui) che quando va bene capita una volta nella vita. Ma ci pensa la sua affezionata figlioletta a organizzargli una distrazione, iscrivendo tutta la mostruosa comunità a una crociera pensata apposta per soggetti così bizzarri. La lieta famiglia si è però scordata dell’incarognita Famiglia Van Helsing, che nel prologo abbiamo visto perseguitare Dracula vanamente nel corso dei secoli. E sulla nave lo Zing colpisce duro nella persona della volitiva Capitana della nave, la bionda Ericka. Ignora il povero Drac che la donna nasconde una parentela imbarazzante, cresciuta nell’odio nei confronti dei mostri in generale e dei vampiri in particolare. La donna però vedrà vacillare le sue sanguinarie convinzioni, accorgendosi poco alla volta di quanto amabili possano essere in realtà le bizzarre creature che si intrattengono sulla nave, perché bisogna sempre smettere di odiare a priori e ragionare con la propria testa in base ai fatti (questo è il volonteroso anche se elementare messaggio del film). Che è carino, abbastanza divertente nel complesso, visivamente ricco, senza picchi in negativo ma nemmeno in positivo, si sorride spesso ma si ride pochino delle trovate fantasiose che costellano la narrazione (l’aereo guidato dai Gremlins, il Triangolo delle Bermude, il vulcano sottomarino, poi l’isola tropicale e alla fine un’Atlantide stile Las Vegas, che nasconde insidie alla Indiana Jones). La battaglia finale avviene contro un mostruoso Kraken inferocito dalla musica tecno (del DJ Tiesto), reso docile da Beach Boys e da Bobby McFerrin con Don’t Worry Be Happy e soprattutto dalla macarena (che fa schifo anche al vecchio nonno vampiro ma fa ballare tutti). Sempre divertente il “coro” che circonda Dracula, l’uomo invisibile, la mummia, il mostro di Frankenstein, il blob verde e la coppia di lupi con la caterva di terribili piccini, oltre al genero umano e all’adorabile nipotino. Doppiaggio originale ricco di nomi noti (Adam Sandler, Kathryn Hahn, Selena Gomez, Mel Brooks, Steve Buscemi), ma per l’Italia Max Giusti se la cava onorevolmente, così come gli altri, tutti professionisti.

Piacerà ai piccini

6